Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Debiti Pubblica amministrazione, l'ultimatum dell'Ue
di Rosario Battiato

La Commissione è passata alla fase due della procedura d’infrazione verso l’Italia per i ritardi nei pagamenti. Sicilia: 117 giorni di agonia per le imprese che attendono 10 miliardi di crediti

Tags: Pubblica Amministrazione, Ue, Sicilia



PALERMO – Lavorare per le pubbliche amministrazioni dell’Isola è un un grande viaggio nell’ignoto. Lo sanno bene quelle imprese che devono attendere mesi su mesi – ben oltre la norma che prevede un periodo di pagamento compreso tra 30 e 60 giorni – per attendere il riconoscimento economico del proprio lavoro.
Ma c’è molto di più: la Regione, infatti, è tra le poche a non comunicare i dati relativi all’indicatore di tempestività dei pagamenti sul proprio sito, un'azione prevista dalla legge nazionale proprio per monitorare l'efficacia della Pa. Intanto i debiti continuano a crescere a dismisura, ingrossando un deficit pesantissimo.
Stime del QdS, su dati forniti dal Mef, hanno rilevato circa 10 miliardi di euro di debito delle pubbliche amministrazioni siciliane.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 25 febbraio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐