Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il gruppo Menarini punta forte sulla ricerca
di Nino Sunseri

Importante accordo di collaborazione siglato con il Singapore general hospital, tra i più grandi centri operanti in Asia



ROMA - Menarini aumenta gli utili e le spese di ricerca, con l’obiettivo di trasformarsi da tradizionale azienda farmaceutica in polo per la diagnostica specializzato nella cura dei tumori. Esclusa, invece, la quotazione in Borsa.

Sono queste le strategie presentate dal gruppo toscano guidato dai fratelli Aleotti: Lucia (presidente) e Giovanni (vice presidente). L’anno scorso, il fatturato ha raggiunto i 3,46 miliardi contro 3,32 dell’anno precedente e il margine lordo è passato da 409 a 411 milioni. I dipendenti sono quasi 17.000 (500 assunti l’anno scorso di cui metà in Italia) operanti in 15 stabilimenti dislocati in tutto il mondo. Tutti numeri che fanno della Menarini la sesta multinazionale italiana a capitale interamente privato.

Come detto, il gruppo, sta intensificando il processo di trasformazione per diventare un polo per la ricerca di nuove diagnostiche, in particolare per i tumori, e lo sviluppo di tecnologie per la produzione di vaccini. I due bastioni attorno cui gira il cambiamento sono la VaxYnethic di Rapolano, vicino Siena, per quanto riguarda i vaccini e l’americana CellSearch Ctc, leader nell’individuazione delle tecnologie tumorali che circolano in alcune neoplasie. In questo quadro, si inserisce la nascita, due anni fa della Menarini Biomarkers, dedicata alla ricerca e messa a punto di marcatori biologici innovativi per la diagnosi prenatale dei tumori polmonari e oculari. Nello stesso anno è stato firmato un accordo di collaborazione con il Singapore General hospital, uno dei più grandi centri di ricerca biomedica dell’Asia.

Menarini Biomarkers Singapore porta avanti le proprie ricerche focalizzandosi su cellule provenienti da tessuti patologici come fonte di nuovi marcatori biologici e cellule provenienti da biopsie liquide (cellule rare circolanti come biosensori). L’azienda opera attraverso partnership con enti pubblici di ricerca che forniscono tecnologie, personale e finanziamenti al fine di raggiungere i risultati attesi e predefiniti nei piani di progetti specifici. Nel 2016 è stato inoltre sottoscritto un accordo per due progetti nell’ambito di un accordo di collaborazione di ricerca (Research collaboration agreements) con SingHealth oltre a un ulteriore accordo di collaborazione con il Singapore eye research institute.

La partnership tra Menarini Biomarkers Singapore e gli enti pubblici di ricerca di Singapore, permette ai medici e ai ricercatori di collaborare nella ricerca di importanti marcatori biologici diagnostici e prognostici per una diagnosi precoce e la messa a punto di una terapia personalizzata che possa facilitare la cura e la guarigione.

Articolo pubblicato il 01 marzo 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐