Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Costi standard, Sicilia lumaca d'Italia
di Eleonora Fichera

L’adeguamento della spesa dei Comuni del Paese procede a rilento, ma l’Isola è ancora ferma all’anno zero. La Regione ha impiegato 7 anni per recepire il Dlgs (216/2010) contro gli sprechi

Tags: Sicilia, Costi, Servizi, Enti Locali



PALERMO - Uniformare i costi di beni e servizi sostenuti in tutta Italia, prendendo come riferimento gli Enti più efficienti in modo da eliminare gli sprechi che per decenni hanno contraddistinto la Pubblica amministrazione italiana.
Questo il nobile obiettivo di costi e fabbisogni standard, che il Governo nazionale ha iniziato a introdurre con la Legge 42/2009 e il successivo Decreto legislativo 216/2010.
A livello nazionale, le cose non stanno procedendo in modo rapido, ma peggio ancora ha fatto la Sicilia, che per sette anni non è intervenuta per estendere ai propri Enti locali quanto già previsto a livello nazionale. In poche parole, ancora una volta l’Autonomia è stata utilizzata come uno scudo per mantenere i privilegi.
Adesso qualcosa inizia a muoversi: ma i tempi, sembrano molto lunghi.
 
(Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)
 

Articolo pubblicato il 23 marzo 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus