Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Articolazione sul territorio con nove gruppi regionali
di Alessio Petrocelli

Tags: Benito Benedini



Come e quando nacque l’idea di creare una Federazione?
“L'idea nacque dall’esigenza di costituire un ente che cementasse i rapporti fra tutti gli insigniti e che permettesse uno scambio di idee sui problemi del lavoro, nacque durante la prima riunione di Cavalieri del Lavoro a Roma il 19 aprile 1903.
La proposta di dare forma federativa all'associazione fu lanciata nel settembre del 1919 e la costituzione della Federazione, con compiti di collegamento e di integrazione, fu deliberata il 30 novembre 1922.
I rapporti tra i Cavalieri del Lavoro sarebbero stati più facili e più frequenti a livello regionale ed il 27 maggio 1923 l'associazione fu sciolta e fu approvata la costituzione della Federazione, di cui fu eletto presidente Giovanni Raineri, che dal 1919 era presidente dell'associazione nazionale. Il 23 marzo 1925 fu pubblicato il decreto di costituzione in ente morale della Federazione.
Lo Statuto sociale, approvato nello stesso decreto, è stato negli anni più volte modificato per adeguarlo alle nuove finalità e attività della Federazione.

Attualmente qual è la suddivisione geografica della Federazione?

“ La Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro è suddivisa in nove gruppi regionali, che ne rappresentano l'articolazione territoriale e la sua presenza viva e operante nelle singole realtà in cui i Cavalieri stessi sono impegnati.
La Sicilia è rappresentata da un gruppo autonomo rispetto a quello del Mezzogiorno che è invece rappresentato da Campania, Puglia, Calabria e Basilicata.
Il presidente del Gruppo Siciliano è il Cavaliere del Lavoro Alessandro Scelfo nominato Presidente il 23 giugno 2008”.

Articolo pubblicato il 12 dicembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento

comments powered by Disqus