Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Un Codice di integrità fra aziende per tutelare le esigenze dei clienti
di Redazione in collaborazione con Merid

Tutela dei diritti umani e del lavoro e lotta alla corruzione



Unire il potere del mercato all’autorevolezza di riconciliare la forza delle aziende con i bisogni e le esigenze dei clienti vuol dire credere fermamente nel rispetto dei principi fondamentali relativi ai diritti umani, al lavoro, all’ambiente e alla lotta alla corruzione.
La crescita di un’impresa non può avvenire senza la crescita umana, civile ed economica di tutti gli attori grazie ai quali, direttamente o indirettamente, essa svolge la propria attività.

Per questo, alcune realtà locali hanno promosso un documento intitolato “Principi sulla responsabilità sociale”, che stabilisce gli standard minimi per la condizione di lavoro e i rapporti all’interno delle società coinvolte. Questo standard rappresenta un impegno nei confronti della responsabilità sociale assunto dalle aziende.

Un passo fondamentale per il raggiungimento di questo obiettivo è l’immagine riconosciuta e l’eccellente reputazione tra clienti e i partner commerciali. A questo fine, il comportamento etico e professionale da parte di tutti i collaboratori, diventa un requisito fondamentale.

Sono dieci i principi che animano tale Codice di integrità: la promozione e il rispetto dei diritti umani universalmente riconosciuti nell’ambito delle rispettive sfere d’influenza; la garanzia di non essere complici negli abusi dei diritti umani; il sostegno della libertà di associazione dei lavoratori e il riconoscimento dei diritti da esse derivanti; l’eliminazione di tutte le forme di lavoro forzato e obbligatorio; l’effettiva eliminazione del lavoro minorile; l’eliminazione di ogni forma di discriminazione in materia d’impiego e professione; il sostegno di un approccio preventivo nei confronti delle sfide ambientali; il supporto di iniziative che promuovano una maggiore responsabilità ambientale; lo sviluppo e la diffusione di tecnologie che rispettino l’ambiente; la lotta alla corruzione in ogni sua forma.

Linee guide che fanno da pietra angolare del comportamento deontologico delle aziende coinvolte, al fine di preservare l’ottima reputazione dell’impresa, dei prodotti e dei servizi forniti.

Articolo pubblicato il 25 marzo 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus