Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Laureati siciliani, caccia al lavoro e colloqui con grandi aziende
di Michele Giuliano

Prende il via il progetto “Al Lavoro”, il career day targato AlmaLaurea Srl con le Università isolane. L’idea è quella di far incontrare in modo diretto i “cervelli” e le imprese

Tags: Laurea, Lavoro, Almalaurea



PALERMO - Un progetto targato AlmaLaurea Srl che è partito proprio dalla Sicilia, e non a caso, per il semplice motivo che questa regione ha un numero elevatissimo di cervelli in fuga. Troppi che sono alla ricerca di un lavoro e di una dignità personale che sia corrispondente alle proprie capacità e ai tanti sacrifici fatti personalmente a dalla famiglia per potere studiare.

Un progetto, partito con un tour denominato “Al lavoro”, organizzato per la prima volta con le università degli studi di Catania, Kore di Enna, Messina e Palermo. L’evento, che ha avuto come protagonista di questa sua prima edizione l'ateneo palermitano, ha visto neolaureati e laureati siciliani incontrare i responsabili delle risorse umane delle oltre 30 aziende partner. “AL Lavoro” Sicilia darà a migliaia di laureati l’opportunità di conoscere e incontrare da vicino alcune tra le più importanti aziende leader del Paese tra cui Lidl (main sponsor), Unilever (gold sponsor), Amazon, Siemens, Philip Morris Manufacturing&Technology Bologna, Italdesign, Previnet, Ducati, Fincantieri, Deloitte, Kpmg, Capgemini, Sogei, Indra, Txt, Alten, Moviri, Key Partner, Double Consulting, Chiomenti Studio Legale, Allianz, Credem Banca, Alleanza Assicurazioni, Bricocenter, GS-Automation.

Rivoluzionando il tradizionale format dei career day, AlmaLaurea Srl integra ai già consolidati strumenti di placement una serie di servizi pensati per migliorare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, laureati e imprese. I giovani, una volta aggiornato il proprio curriculum vitae sul sito di AlmaLaurea, si sono registrati al career day e, grazie al modulo di gestione Mito (Matching italian talent organizer) invitati direttamente dalle aziende per un breve colloquio con i responsabili delle risorse umane. Le imprese hanno così incontrato i laureati più motivati e in linea con i propri fabbisogni di competenze e per loro adesso si apre una prospettiva occupazionale.

“Prosegue l’impegno di mettere in contatto i laureati con il mondo del lavoro – commenta Marco De Candido, managing director di AlmaLaurea Srl – offrendo opportunità professionali e di incontro con i selezionatori, contribuendo alla valorizzazione del capitale umano formato dalle università, affiancando il sistema economico-produttivo nella ricerca di profili professionali più vicini alle loro necessità. È con questo obiettivo che “AL Lavoro” sarà in tour nelle principali città del Paese, con un’attenzione particolare alle regioni del Sud”.

“I contatti con il mondo delle imprese costituiscono, oggi più che mai - sottolinea il rettore dell’università di Messina, Pietro Navarra - un elemento essenziale per permettere alle università siciliane di compiere un ulteriore salto di qualità rispetto ad atenei inseriti in realtà economiche più floride”. “Il lavoro va posto al centro di ogni ragionamento, per questo ritengo importantissime iniziative di questo tipo – aggiunge il rettore dell’università di Palermo, Fabrizio Micari -. Giornate come queste sono utili anche per le aziende che hanno così l’occasione di conoscere i nostri giovani, sempre molto preparati, motivati e in linea con i fabbisogni specifici”.

“Stiamo lavorando, congiuntamente al presidente del Centro orientamento e formazione d’Ateneo, Nunzio Crimi – ha evidenziato il rettore di Catania, Francesco Basile – per potenziare i servizi rivolti all’orientamento e al placement all’interno degli atenei, poiché essi rappresentano un nodo cruciale per svolgere un’efficace azione di supporto e accompagnamento volta a favorire l’occupazione e lo sviluppo della carriera formativa e lavorativa degli studenti, dei laureati e dei dottori di ricerca”.

Articolo pubblicato il 25 marzo 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus