Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Amt e Pubbliservizi, torna il sereno dopo le nomine dei vertici aziendali
di Melania Tanteri

Lungaro: “Abbiamo individuato le criticità, ora al lavoro per risolverle”

Tags: Catania, Amt, Pubbliservizi, Carlo Lungaro, Enzo Bianco



CATANIA - Proroga di due mesi del contratto di servizio e nuovo amministratore unico per Pubbliservizi; nuovo consiglio di amministrazione per l’Azienda metropolitana trasporti. La settimana scorsa sono stati fatti importanti passi avanti per la gestione delle due partecipate, la prima della Città metropolitana e la seconda del Comune, entrambe in condizioni delicate dal punto di vista economico e finanziario, nonché per quanto riguarda il rapporto con i dipendenti, preoccupati per il futuro.

Il sindaco Bianco, nel doppio ruolo di primo cittadino di entrambi gli Enti, ha dato infatti seguito a quanto aveva annunciato precedentemente alle organizzazioni sindacali che chiedevano la nomina di vertici che potessero trascinare fuori dalle difficoltà le due società. E lo ha fatto nominando Silvio Ontario, rappresentante dei giovani industriali catanesi, alla guida di Pubbliservizi e due figure professionali dagli importanti requisti, al fianco del presidente Carlo Lungaro, alla guida dell’Amt: Domenico Drago, ex amministratore dell'Ast ed ex direttore dell'Amat di Palermo, e dell'ingegnera Stefania Di Serio, già alla guida dell'Atac di Roma.

“Abbiamo scelto un manager - ha detto Enzo Bianco - un esponente del mondo produttivo fuori da dinamiche politiche. L'esperienza maturata da Ontario come imprenditore e nel mondo associativo alla guida dei giovani imprenditori del Sud Italia e della Sicilia saranno di grande aiuto per il salvataggio e il rilancio dell'azienda”. E pare che Ontario sia già al lavoro, verificando la situazione in azienda e avviando in questa settimana gli incontri con le sigle sindacali, per affrontare la questione lavoratori.

Soddisfatto anche il presidente dell’Amt, Carlo Lungaro, rimasto solo alla guida dell’azienda di trasporto pubblico dopo il rifiuto di Daniela Baglieri e Sebastiano Gentile, precedentemente nominati all’interno del Cda dell’ex municipalizzata. "Sono soddisfattissimo – ha commentato il presidente Lungaro. Insieme a questa squadra ben assortita, composta da ottimi professionisti potremo procedere alla modifica dello Statuto e al rilancio dell'azienda, dando risposte ai lavoratori e alla città".

Lungaro ricorda come, con la rimessa di Pantano d’Arci a pieno regime, si potranno mettere in strada più mezzi e come, soprattutto, in azienda si stia lavorando a "libro bianco" dell'Amt, una sorta di elenco delle criticità. "Abbiamo individuato alcuni punti critici – ha affermato - e da qui partiremo per avviare il grande lavoro per affrontarli e risolverli".

Soddisfazione anche da parte dei sindacati autonomi , Fast Confsal e Faisa Cisal, che hanno annunciato per il prossimo 7 aprile, quattro ore di sciopero per sollecitare azioni incisive di rilancio dell’azienda. “Ci auguriamo – hanno scritto le due segreterie - che il nuovo assetto manageriale possa tornare utile alle sorti della partecipata”.

Articolo pubblicato il 28 marzo 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐