Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Agrigento - Nuove risorse per scuole e strade
di Paolo Picone

Per alcuni istituti gli interventi sono indispensabili, con seri rischi per l’incolumità degli alunni. Uno sguardo alle somme messe a disposizione dalla Provincia regionale

Tags: Agrigento, Opere Pubbliche, Luigi Argento



AGRIGENTO – Nei giorni scorsi, dal Consiglio provinciale, è arrivato il tanto atteso disco verde alle variazioni al Piano triennale delle opere pubbliche e alle variazioni al Bilancio. Sala Giglia ha infatti esitato favorevolmente i punti approvando una manovra da quasi 8 milioni di euro.

A illustrare l’emendamento per le variazioni al Piano triennale è stato il presidente della commissione Lavori pubblici, Carmelo D’Angelo. Il documento prevede che le somme dell’avanzo di amministrazione destinate all’acquisto dell’ex caserma dei Vigili del fuoco del viale della Vittoria, vengano destinate a interventi per la viabilità provinciale e l’edilizia scolastica, così come sostenuto dall’intero Consiglio provinciale. Le somme, pertanto, sono state così ripartite: circa 333 mila euro per l’Istituto Re Capriata di Licata; 276 mila euro per l’Istituto tecnico Zappa di Naro; 275 mila euro per il Crispi di Ribera”; 819 mila euro per l’Ipia Marconi, sede di Racalmuto; 198 mila euro per il Saetta e Livatino di Ravanusa.

“Una scelta – ha commentato l’assessore all’Edilizia scolastica Luigi Argento - dettata dalla volontà di rendere le scuole della nostra provincia più sicure e accoglienti, poiché molto spesso siamo in presenza di edifici vetusti. Gli interventi approvati dal Consiglio rappresentano un passo significativo nel percorso di ammodernamento e  messa in sicurezza del patrimonio edilizio scolastico”.

Sulla proposta dell’amministrazione di acquisire l’ex caserma dei Vigili del fuoco del viale della Vittoria, si è acceso un ampio dibattito al quale sono intervenute tutte le forze politiche di maggioranza e di opposizione. A chiarire le motivazioni che hanno indotto a ritirare la proposta d’acquisto dell’immobile è stato il presidente della Provincia, Eugenio D’Orsi, che ha informato il Consiglio di un contenzioso in corso con il Comune di Agrigento che lo ha indotto a ritirare il provvedimento.
Altro punto importante approvato dall’aula Giglia, l’estinzione dei mutui accesi con la Cassa depositi e prestiti per oltre 5 milioni e 500 mila euro, utilizzando gli avanzi di amministrazione. Si tratta di un’operazione contabile che consentirà all’Ente un forte risparmio.
 

 
Scelte. Decisioni nell’interesse del territorio
 
AGRIGENTO - Sono stati anche illustrati nel dettaglio, da parte dei capigruppo consiliari, gli emendamenti alle variazioni di bilancio approvate dal Consiglio provinciale. Si tratta di interventi che riguardano principalmente la viabilità provinciale e l’edilizia scolastica.
Erano presenti anche gli assessori Salvato e Argento, il vice presidente vicario del Consiglio provinciale, Mario Lazzano, il presidente della commissione Lavori pubblici, Carmelo D’Angelo, e numerosi consiglieri provinciali.
“Abbiamo lavorato in stretta collaborazione con l’amministrazione - ha dichiarato il presidente della commissione Lavori pubblici, Carmelo D’Angelo - e in particolare con l’assessore Salvato per individuare le priorità delle opere da finanziare che interessano tutto il territorio della provincia”.
Numerosi gli interventi in elenco sugli edifici scolastici e sulle strade presentati dalla commissione Lavori Pubblici e approvati all’unanimità dal Consiglio provinciale.

Articolo pubblicato il 12 dicembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus