Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Bilanci in estate, Comuni a mare
di Rosario Battiato

Inutile l’approvazione dei documenti di previsione ad anno inoltrato. Così la programmazione è impossibile. AnciSicilia contro la Regione, i cui ritardi bloccano i conti degli Enti locali

Tags: Enti Locali, Sicilia



PALERMO - Il 31 marzo è scaduto il termine per l’approvazione per i bilanci di previsione 2017. Ciò è  avvenuto dopo ben due proroghe (la prima scadenza per la deliberazione, secondo il Tuel, è il 31 dicembre dell’anno precedente) che l’avevano portato al 28 febbraio (legge di bilancio 2017) e quindi al 31 marzo (decreto Milleproroghe). Nei giorni scorsi è arrivata la terza proroga - con il decreto n.30 del 30 marzo del ministero dell’Interno - che ha concesso altri 90 giorni per Province e Città metropolitane. Non è escluso che a breve esso possa comprendere anche i Comuni.
Il quadro appena descritto è sintomatico di una situazione ormai cronica: gli Enti locali non riescono ad approvare i bilanci di previsioni prima della primavera o dell’estate, con ciò rendendo di fatto impossibile una seria programmazione finanziaria.
 
Per leggere l'inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

Articolo pubblicato il 07 aprile 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐