Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ayurveda, l'antica medicina indiana per un bilanciamento tra corpo e mente
di Nicoletta Fontana

Programma personalizzato: yoga, meditazione, trattamenti di bellezza viso, massaggi e alimentazione vegetariana

Tags: Ayurveda



Non sono nemmeno le sei del mattino quando si viene svegliati dai mantra induisti del tempio alle spalle del Resort. Dolcissimi suoni che si confondono con le preghiere cattoliche propiziatorie alla buona pesca, che giungono dai pescatori, giù, in riva al mare.
I canti entrano energici e melodiosi nei bungalow, come i raggi di sole che filtrano tra le bacchette delle persiane accanto ai letti.
Qui si viene per sperimentare la pace, ma soprattutto per trovare quel perfetto bilanciamento tra mente e corpo che solo l’antica scienza indiana dell’Ayurveda può regalare.
(Ayurveda: scienza della vita -Ayur = vita, Veda = scienza o la conoscenza-. “Mens sana in corpore sano”, come dicevano i nostri saggi latini).

In quest’isola felice le giornate cominciano con una visita dal medico che vi seguirà per tutto il periodo di permanenza; una semplice palpazione del polso, alcune domande sul vostro  stile di vita e di alimentazione sono sufficienti per arrivare  al risultato  del  test che  stabilirà qual è il vostro “Dosha” (elemento/forza) tra i tre contemplati: Pitha, Vatha e Kapha, per poi iniziare una cura personalizzata, accompagnata dall’assunzione di medicine ayurvediche (composte solo da erbe officinali) e da una alimentazione strettamente vegetariana.

Il programma comprende anche lezioni guidate di yoga e meditazione e una serie infinita di trattamenti sul viso e sul corpo sempre eseguiti a quattro mani. Sdraiati nei tipici lettini di legno, all’interno di un ambiente molto caldo e illuminato unicamente da candele, le operatrici avvolte nei loro shaari, iniziano il rito del massaggio  con il  recitare un mantra appoggiando delicatamente  un dito sulla  vostra fronte.

Impasti di erbe racchiuse in speciali garze, serviranno per un profondo scrub del corpo che verrà poi  sciacquato con latte caldo.
Per gli impacchi di bellezza al viso e per la pulizia degli occhi (Netra Vasti) viene usato il Ghee o Ghi -burro chiarificato- che da risultati immediati; gli occhi si purificano per l’effetto antinfiammatorio del burro e il viso prende una  compattezza sorprendente.
Ovviamente non può mancare il Shirodhara, l’antico trattamento in cui viene versato per più di un’ora olio caldo sulla fronte, esattamente nel punto del terzo occhio. Il risultato è il raggiungimento di una meditazione profonda e un rilassamento di tutti i nervi del viso e della fronte. Da non perdere!

In questo luogo parola d’ordine è “pace”, una pace che si respira anche fuori dalla zona dei trattamenti, poiché tra il canto ininterrotto degli uccellini, la fitta vegetazione tropicale in cui è immerso il Resort e l’infrangersi dell’onde dell’oceano, le vibrazioni di “Madre Natura” entreranno prepotentemente in voi, donando beatitudine e serenità.

Appena fuori dal Resort di Somatheeram, il più antico e pluripremiato centro ayurvedico della regione del Kerala, nel sud dell’India, vi è un pullulare di negozietti, che se pur turistici offrono prodotti tipici locali sia di abbigliamento, che gioielli o statuine religiose raffiguranti Ganesh o il sacro  Buddha, oltre a   un’infinità di spezie e medicine ayurvediche. Pit-stop in uno dei tanti sarti sulla strada, i quali  riusciranno  a confezionarvi kaftani, pantaloni o sahari in meno di un’ora, potendo scegliere tra migliaia di sete preziose messe a disposizione per la fattura del capo che avrete scelto per voi.  Il costo non supera mai i 20 euro.

Alla fine della via dello shopping, un piccolo tempio induista richiama i fedeli, attraverso le grandi casse acustiche poste lungo la strada, per la cerimonia dell’iniziazione dei più piccoli, un rito che vede coinvolti ragazzi adolescenti nell’infilzarsi lunghissimi aghi che perforeranno le loro guance da un capo all’altro. Per noi europei una visione forte, ma per gli induisti qualcosa di assolutamente normale. 

Le madri e le donne a terra recitano la “puja”, (rituale di preghiera devozionale alle divinità), mentre gli uomini danzano e cantano animatamente. L’accoglienza per i turisti è festosa ed è facile farsi trasportare e coinvolgere dall’energia sprigionata dai riti e anche dai dolcissimi sguardi emanati dagli occhi dei bimbi, tipici della popolazione indiana.

Per concludere questi giorni all’insegna della pace e del rilassamento, un’escursione alle Back Waters è doverosa.
Un’esperienza che vi condurrà alla scoperta delle lagune del Kerala all’interno di case galleggianti, “Kettuvalloms”, molto accoglienti e lussuosamente  arredate.

Avrete a disposizione un equipaggio premuroso e gentile, uno ottimo chef in grado di deliziare anche i palati più esigenti, mentre la barca si inoltrerà  nei  silenziosi canali ricoperti di ninfee, attorniati da  una fauna selvaggia.

Cullati dal vento godrete di tramonti indimenticabili rosso fuoco, che resteranno impressi nei vostri occhi quale iconografia per questo viaggio dell’anima e del corpo.

Indirizzi:
www.somatheeram.in
www.somahouseboats.com/houseboat-gallery
www.keralatourism.org

Articolo pubblicato il 24 febbraio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐