Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Raee, raccolta isolana in aumento. Catania è prima con 5 mln di kg
di Redazione

Rapporto 2016 del Centro di coordinamento: +21,5% rispetto al 2015, ma non basta. Il dg Longoni: “La Regione dovrà investire sull’apertura di nuovi centri”

Tags: Rifiuti, Sicilia, Rifiuti Tecnologici



MILANO – Il Rapporto annuale 2016 sul Sistema di ritiro e trattamento dei Raee” a cura del Centro di coordinamento Raee è stato presentato a Milano. Il report presenta i dati di raccolta del Paese e analizza i risultati conseguiti nelle singole regioni.

Secondo i dati del Centro la Sicilia si conferma la seconda regione per raccolta complessiva di Raee nell’area Sud e Isole, con oltre 13 milioni di kg raccolti, registrando un incremento del 21,52%. I miglioramenti in atto non sono però sufficienti a garantire una raccolta pro capite adeguata, che si attestaa 2,70 kg per abitante: si tratta del secondo peggior risultato a livello nazionale, ancora molto distante dalla media italiana di 4,67 kg/ab.

Segnali incoraggianti arrivano dai Centri di raccolta comunali, che passano da 106 a 121. In media la Regione può contare solo su due Centri ogni 100 mila abitanti, il dato più basso a livello nazionale.

La classifica dei Raggruppamenti in base ai quali vengono suddivisi i Raee è guidata da R1 (freddo e clima) e R2 (grandi bianchi), a pari merito con il 37% del totale. A distanza segue R3 (tv e monitor) con il 18%, mentre è assai deludente la raccolta di R4 (piccoli elettrodomestici), che rimane ancora sotto il 10%.

Andando ad analizzare i risultati delle singole province, Catania si posiziona in prima posizione per raccolta assoluta con circa 5 milioni di kg raccolti (+23,99). Al secondo posto Palermo, che recupera il calo del 2015 e si attesta a circa 2 milioni di kg (+33,40%) e al terzo Messina con 1 milione e 800 mila kg (+13,98). Sconfortante il dato di raccolta di Enna, in calo del 14,39% rispetto al 2015 e fermo a 243 mila kg.

Anche nella raccolta pro capite, si distingue Catania con una media di 4,46 kg/ab, mentre le altre province si attestano al di sotto della media nazionale.
Le province con il maggior numero di Centri di raccolta ogni 100 mila abitanti sono Agrigento, Enna e Messina con 4 centri. Particolarmente negativi risultano i casi di Ragusa e Siracusa con due strutture e Palermo con una sola.

Commenta i risultati Fabrizio Longoni, dg del Centro: “Questi esiti evidenziano che i cittadini siciliani e le società di gestione stanno partecipando alle pratiche della raccolta. Prosegue dunque il percorso positivo avviato nel 2015 per colmare il ritardo accumulato negli anni passati. I miglioramenti in atto non sono ancora sufficienti a garantire una raccolta pro capite adeguata, che si attesta a soli 2,70 kg per abitante, registrando il secondo peggiore risultato a livello nazionale”.

“Nei prossimi anni - conclude - la Regione dovrà investire nell’apertura di nuovi Centri per allinearsi ai risultati delle altre regioni e nella comunicazione diretta a cittadini e consumatori per generare più consapevolezza dell’importanza della raccolta dei Raee e per incoraggiare il conferimento da parte dei cittadini ai centri di raccolta”.

Articolo pubblicato il 18 aprile 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus