Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Incontro a Washington Trump-Gentiloni
di Redazione

I leader hanno ribadito la solida amicizia tra i due Paesi

Tags: Donald Trump, Paolo Gentiloni, Libia



WASHINGTON – Le crisi in Libia e Siria, l’impegno dell’Italia nella Nato, il G7 di Taormina. Sono stati i temi al centro dell’incontro che si è svolto alla Casa Bianca tra il presidente americano Donald Trump e il presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni. Un incontro che si è aperto in un clima di serenità, con una calda stretta di mano nello studio ovale e con Trump che, invitando Gentiloni a entrare nello studio in cui si è svolto il vertice, ha scherzato: “Let’s have some fun”, (Divertiamoci un po). Clima presto turbato dalle notizie arrivate da Parigi durante il summit.

Entrambi i leader, in conferenza stampa, hanno espresso “vicinanza” al popolo e al governo francesi. Del resto la lotta al terrorismo è uno degli elementi che più uniscono i due Paesi. “L’amicizia tra Italia e Usa si fonda sull’impegno comune contro il terrorismo”, ha detto il premier, incassando il riconoscimento che per l’America l’Italia è “uno dei principali partner nella lotta al terrore”. Trump e Gentiloni hanno avuto un faccia a faccia riservato, seguito da un bilaterale allargato alle delegazioni. Per gli Usa erano presenti i principali collaboratori del presidente: Rex Tillerson, Reince Priebus, HR Mc Master, Steve Bannon, Jared Kushner. Anche la figlia Ivanka si è affacciata per un breve saluto. Gran parte dell’incontro ha riguardato la Libia, con il presidente americano e i suoi collaboratori che hanno chiesto informazioni a Gentiloni sulla situazione. In conferenza stampa, Gentiloni ha sottolineato che occorre “lavorare contro la divisione del Paese e per la stabilizzazione” e “l’America ha svolto un ruolo molto importante per evitare che in Libia si consolidasse una base importante del terrorismo”. Per Gentiloni serve un “impegno politico” e “il lavoro degli Usa è fondamentale”.

Anche le crisi di Afghanistan e Iraq sono state toccate nei colloqui, senza che però dagli Usa siano arrivate richieste su un maggiore o prolungato impegno italiano nei due Paesi. Entrambi i leader hanno ribadito la stretta amicizia tra i due Paesi.
 

Articolo pubblicato il 22 aprile 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus