Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Alternanza scuola-lavoro in Eni: esperienza intrigante
I ragazzi del Liceo Ginnasio Eschilo di Gela protagonisti all’interno dello stabilimento industriale

Tags: Eni, Alternanza Scuola Lavoro



Nello scegliere la mia destinazione tra i vari percorsi di Alternanza Scuola Lavoro proposti, per il corrente anno scolastico, dal mio istituto, il Liceo Ginnasio Eschilo di Gela, ero molto scettico, inizialmente, se intraprendere il percorso di alternanza scuola-lavoro in Eni, poiché immaginavo potesse essere stressante, considerate le 8 ore quotidiane previste. Tuttavia, l’argomento mi intrigava e mi interessava conoscere un ambiente di lavoro di tipo aziendale - industriale quale quello Eni; già a metà percorso mi sono accorto di essere cresciuto e di non essere, se non per un minimo, affaticato o stanco, nonché del tutto soddisfatto della scelta effettuata.

La giornata in Eni veniva strutturata inserendo, nella mattinata, due conferenze intervallate da una pausa, e nel pomeriggio una visita a strutture all’interno e all’esterno del complesso della raffineria. I relatori ci intrattenevano con lezioni su argomenti che spaziavano dalla psicologia in ambiente lavorativo alla gestione di un’azienda, dalla classificazione delle energie alle soluzioni per il problema della futura efficienza energetica mondiale, dall’estrazione e dalla classificazione alla raffinazione e al commercio del petrolio.
 
A termine del percorso, inoltre, i dirigenti dell’Eni ci hanno chiesto di realizzare un lavoro inerente il programma svolto nei dieci giorni di alternanza. Il nostro gruppo, formato, oltre che da me, Duilio Maria La Rocca, da Vito Simone Sincero, Rosario Trainito (alunni della classe ID), Dennis Pausata, Kleando Zela, Antonino Scimè, Misaele Maniglia, Paolo Caci (alunni della classe IA), ha realizzato un lavoro, che si è classificato primo fra tutti, composto da un PowerPoint e due video, l’uno realizzato da Paolo, l’altro da me.
Il lavoro è incentrato sull’utilizzo delle energie rinnovabili, e in particolare delle biomasse, e sul progetto di Green Refinery, ideato da Eni e volto alla riconversione delle raffinerie convenzionali in bioraffinerie. Fra i tanti aspetti positivi di questa esperienza c’è sicuramente l’ottima organizzazione del progetto di alternanza scuola-lavoro da parte dell’azienda e la competenza dei relatori, sempre pronti a rispondere alle nostre domande.

Purtroppo non ci è stata data la possibilità di visitare i luoghi dirigenziali dell’Eni: a mio parere, sarebbe opportuno inserirne la visita nel progetto del prossimo anno. Sono abbastanza soddisfatto, insomma, dell’esperienza fatta: mi sono divertito ed ho ampliato e migliorato le mie competenze; credo che il prossimo anno la ripeterò anche perché è collegata al percorso universitario che penso di intraprendere.

Duilio Maria La Rocca
Classe I D Liceo classico Eschilo Gela

Articolo pubblicato il 28 aprile 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Nuovo Centro Oli EniMed - Liceo Classico
Nuovo Centro Oli EniMed - Liceo Classico "Eschilo"- Gela (Cl)


´╗┐