Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Formazione "appesa" all'Ars, tornano in ballo i 31 milioni di euro
di Michele Giuliano

In discussione l'aumento dei fondi per l'Avviso 8: in questo modo rientrerebbero tanti enti storici. Il tutto in attesa che la graduatoria varata venga ritoccata dopo le sentenze del Tar

Tags: Formazione, Lavoro, Avviso8, Regione Siciliana, Bruno Marziano



PALERMO - Non sembra aver fine la storia dell’Avviso 8. Per ironia della sorte, peggio di una telenovela venezuelana, se al suo destino non fosse legato quello di migliaia di lavoratori in attesa, con sempre minori speranze e fiducia nel futuro.
A breve andrà in discussione all’Ars l’emendamento che dovrebbe aggiungere 31 milioni di euro al finanziamento già disposto di 136 milioni. Una cifra importante, che permetterebbe a parecchi enti storici di rientrare dopo essere rimasti fuori dalla graduatoria delle polemiche.

Dopo la bocciatura dell’emendamento che li richiedeva direttamente in commissione Bilancio, sarà quindi l’assemblea regionale tutta a dover decidere se aumentare i fondi messi a disposizione o fermarsi dove già era stato messo un punto mesi e mesi fa.
Una decisione fondamentale, che va ad aggiungersi a quella del Tar, che ha affermato la necessità di rivedere la graduatoria, a seguito della valutazione negativa del parametro 'A2', che concede agli enti un massimo di ben 12 punti, un numero rilevante e decisivo per il posizionamento tra chi ha diritto al finanziamento e chi rimane fuori. Tale parametro definisce il grado di efficienza delle attività formative svolte, e si traduce nel rapporto tra allievi iscritti e allievi formati. Maggiore il numero di allievi che concludono positivamente il corso, maggiore il punteggio acquisito. Un parametro che perde efficacia nel momento in cui non considera il numero di corsi gestiti dagli enti.

Ancora, sorprende, nella graduatoria, la presenza in posizione utile di molti enti nuovi di cui non c'è traccia nel precedente Avviso 20. Come è possibile dal momento che tra i punteggi premiali stabiliti dalla Regione c'era propria la partecipazione con attività progettuali nel periodo 2012-2015?

Appare dunque difficile, se non impossibile, che un nuovo ente possa scavalcare l'ente tradizionale a meno che di mezzo non ci sia un'alterazione della graduatoria e i controlli inefficaci da parte della Regione che non hanno riscontrato la veridicità dell'istanza.
“Non vi è logicità - denunciato due tra gli enti che hanno fatto ricorso ed a cui è stata accettata la sospensiva dal Tar, l'associazione Nuovo Cammino e  l'Enfaga - nell’attribuzione di questo punteggio in quanto ad alcuni enti nuovi con solo 15 iscritti e formati gli viene attribuito un punteggio pari a 12, il massimo previsto,  mente ai nostri enti su un numero di 240 iscritti e formati circa 170 viene a attribuito un punteggio inferiore a 12 e quindi ritenuto dal Dipartimento ammesso ma non finanziabile”. Inoltre non vi è stato da parte della Regione un distinguo tra i corsi 'autofinanziati', ovvero quei corsi cui gli enti fanno pagare agli allievi la retta e che non hanno una durata di 900 ore come prevede l’Avviso, ma bensì corsi di 100/200 ore massimo di cui viene rilasciato una certificazione di frequenza, mentre per i corsi finanziati viene rilasciato l’attestato di qualifica, che pare scontato che l’allievo non abbandoni prima del termine dell'attività che sta seguendo, rispetto ai corsi Osa finanziati dalla Regione.

“Inoltre - aggiungono Enfaga e Nuovo cammino - nei criteri non si è in alcun modo tenuto conto della storicità degli enti nell’ambito del settore e delle competenze e professionalità messe in campo in questi anni. La sospensiva emanata dal Tar non fa altro che dare fondatezza alle nostre rimostranze. Attendiamo l’ultima parola del Dipartimento che dovrà adesso apportare le giuste correzioni oggetto del ricorso”.

Articolo pubblicato il 09 maggio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus