Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il Natale in Sicilia visto attraverso i mercatini pieni di luci e addobbi
di Simona D'Urso

Una tradizione del Nord Europa ha attecchito anche nell’Isola, una vetrina per l’artigianato e l’agroalimentare tipici. Caratteristici quelli di Caltagirone, Trecastagni, Ficuzza, Camaro Superiore e Gaggi

Tags: Natale



CATANIA - Se amate viaggiare e il Natale è la festività che preferite fra le tante che si presentano puntuali durante l’anno, i mercatini di Natale con le caratteristiche bancarelle e le luci, e i concerti, sono quello che fa per voi.
Vi proponiamo un viaggio fra i mercatini natalizi che si svolgono in Sicilia. Partiamo?
Il Natale nell’Isola, oltre a conservare lo spirito della festività religiosa esprime la sua vitalità di festa del fuoco soprattutto nei centri montani dove nella notte del 24, vengono accesi i tradizionali falò (i “luminari” e i “zucchi”) ardendo legna in strati alti, quasi a voler riscaldare il Bambin Gesù.

In alcuni Comuni dell’entroterra quest’usanza è tutt’oggi accompagnata dalla musica e dai canti degli zampognari.
A Caltagirone (CT) sino al 23 dicembre, si svolgerà il “Mercatino di Natale”, con esposizione degli addobbi tipici di Natale. Mercatino che culminerà con la “Festa della Cuccìa. Fino al 6 gennaio a Trecastagni, ai piedi dell’Etna, la piazza centrale ospita il “Mercatino di Natale” con piccoli stand che espongono dolci, addobbi, idee per l’ultimo regalo.
A Messina, fino al 23 dicembre, potrete andare a vedere le tante soluzioni proposte al “Natale in Fiera” la rassegna natalizia ricca di eventi e attività.
Anche Palermo propone intrattenimenti, arte, doni, giochi, addobbi, tradizione, cultura, nella “Fiera di Natale” allestita sino al 27 dicembre.

Se poi amate proprio i mercatini, allora recatevi nella borgata di Ficuzza (a Corleone, Palermo) dove è stato realizzato il “Mercatino di artigianato locale e prodotti gastronomici tipici” allestito nelle tradizionali casette di legno in stile nordico, nella luminescente piazza borbonica. L’atmosfera natalizia vi avvolgerà come un caldo abbraccio. Fino al 6 gennaio.
Il piacere della tradizione natalizia e i profumi delle pietanze della festività più opulenta dell’anno vi condurranno tra le mura di Camaro Superiore (nel messinese) dove tutte le domeniche di dicembre potrete degustare dolci tipici locali e vedere l’esposizione d’artigianato. Ed ancora, sempre nel messinese, per l’intero mese di dicembre, a Gaggi potrete vedere la Mostra dei Presepi e il Mercatino di Natale con l’esposizione di prodotti d’artigianato, degustazioni di dolci e gastronomia locale.
Non tutte le città siciliane hanno il “mercatino di Natale” d’altronde è una tradizione tipicamente nord europea. Le prime tracce di mercati di Natale risalgono al XIV secolo in Germania e Alsazia con il nome di “Mercato di San Nicola”. Il primo documento che attesta un mercato di Natale è datato 1434 e cita un Striezelmarkt (mercato degli “Striezel”, un dolce tedesco) che si è svolto a Dresda, il lunedì precedente il Natale.

In Italia il primo mercatino si è visto a Bolzano nel 1990, ed è per questo che negli anni ha raggiunto importati affluenze di visitatori. Non da meno di quelli europei.
 I mercati di Natale più famosi? Norimberga, Vienna, Bruxelles, Praga, Budapest e Strasburgo e non a caso durante il periodo di dicembre, i mercatini tipici contribuiscono a rendere ancora più note queste mete turistiche. A Colonia si tengono sette mercati in differenti luoghi della città, di cui uno in un’imbarcazione sul Reno.

Articolo pubblicato il 16 dicembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐