Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Sicilia: per 4 persone su 10 impossibile pagare spese mediche
di Redazione

Presentato ieri a Palermo il 29esimo rapporto Italia dell’Eurispes. Le due Isole lontane dal resto del Paese. Una su quattro si trova costretta a chiedere aiuto alla famiglia d’origine

Tags: Eurispes, Sicilia, Sanità



PALERMO - Una nuova frattura economica emerge in Italia secondo i dati del 29esimo rapporto Italia dell’Eurispes che è stato illustrato ieri a Palermo. Non solo un nord e un sud che vanno a due velocità ma, secondo la ricerca presentata questa mattina, Sicilia e Sardegna segnano ancora il passo e si allontanano dal resto del mezzogiorno continentale.

“Le isole mostrano una sofferenza nuova e forte”, ha spiegato a margine dei lavori il presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, “e inizia ad esserci un divario oltre che tra Nord e Sud anche tra Sud continentale e isole e questo ci pare molto preoccupante”. Occupazione, crisi dei ceti medi e sanità sono gli indicatori che fanno emergere maggiormente la situazione secondo i ricercatori di Eurispes.

Le rilevazioni e le analisi dell’Eurispes sul Mezzogiorno fanno emergere per il 2017 una particolare condizione di disagio economico soprattutto in Sardegna e in Sicilia e, allo stesso tempo, il perdurare, seppure con intensità minore, del gap delle altre regioni del Sud rispetto al resto dell’Italia. Nelle Isole, in particolare, oltre cinque famiglie su dieci (il 54%) hanno visto diminuire nel corso dell’ultimo anno il proprio potere d’acquisto, ossia la capacità di far fronte alle spese e fare acquisti per mezzo delle proprie entrate. Nel Sud e nelle Isole, più che nelle altre aree regioni, si trova il numero più elevato di cittadini costretti ad utilizzare i propri risparmi per arrivare a fine mese, rispettivamente 59,6% e 44,9%.

Sempre in Sicilia e in Sardegna 4 persone su 10 non riescono a sostenere il costo delle spese mediche nè a saldare le rate del mutuo per la propria casa. Non a caso il 33,6% di chi vive al Sud e il 19,7% nelle Isole si sente povero. Inoltre, quando viene chiesto se si è a conoscenza nella propria cerchia familiare o amicale di persone che vivono in stato di indigenza, le percentuali più alte di risposta affermativa continuano a concentrarsi nelle aree meridionali e insulari, al Sud e nelle Isole, dove il 37% e il 26,7%, affermano di conoscere molte persone povere, il 39,6%, e il 40,2%, dichiarano di conoscerne alcune e il 19,1%, e il 24,4% poche; mentre si attestano a quota 4,3% e 8,7% le percentuali di coloro che invece non ne conoscono nessuna. Circa la metà degli abitanti delle Isole conoscono persone che devono rivolgersi alla Caritas, che non possono permettersi un posto dove vivere, non hanno la possibilità di curarsi nè di mantenere i propri figli o farli studiare. Otto persone su dieci indicano la perdita del posto di lavoro come causa di questo impoverimento. Il 25,5% di chi vive nelle regioni del Sud e il 12,6% di quanti abitano in Sicilia o Sardegna riferiscono di conoscere persone che sono state costrette a rivolgersi ad un usuraio.

Tra le strategie adottate per far fronte alle difficili condizioni economiche soprattutto al Sud (31,5%) e nelle Isole (26%) si è chiesto aiuto e sostegno alle famiglie di origine e non è mancato chi è dovuto tornare a vivere con i propri genitori o con i suoceri per necessità (14,2% nelle Isole; 11,1% al Sud).

Anche sul piano dell’assistenza sanitaria, le testimonianze degli intervistati delineano un’Italia divisa in tre: al Nord, nonostante i casi problematici, prevale un servizio accettabile, il Centro si colloca in una posizione intermedia, nel Mezzogiorno i disagi sono estremamente frequenti. Le lunghe attese per visite ed esami sono comuni in tutto il Paese, ma se al Nord-Ovest le ha sperimentate il 49,8%, la quota tocca punte del 93,2% al Sud, e del 90% circa nelle Isole.

Per gli interventi chirurgici, le attese sono state sperimentate da meno della metà dei residenti di Centro e Nord-Ovest, ma da oltre il 66% al Sud e nelle Isole. Netto il divario relativo alle condizioni delle strutture sanitarie. Le definisce fatiscenti il 18% al Nord-Ovest, il 34,5% al Nord-Est, il 46,6% al Centro, il 60% al Sud, il 69,3% nelle Isole. Una tendenza analoga è stata registrata nelle indicazioni relative a strutture igienicamente non adeguate. Gli errori medici, sperimentati al massimo nel 30% dei casi al Centro-Nord, vengono citati dal 55,3% dei residenti al Sud e dal 40,9% di chi abita nelle Isole.

La peggiore offerta di servizi sanitari nelle aree del Mezzogiorno coinvolge anche la disponibilità del personale medico ed infermieristico, insoddisfacente per oltre la metà dei residenti.

“I segnali di ripresa ci sono comunque anche se il Sud e le isole non rappresentano un contesto omogeneo ci sono punti di forza e di fragilità”, ha aggiunto Fara, “il mezzogiorno riesce a esprimere numerose eccellenze e indicare buone prospettive. La sensazione che ho è che c’è una grande difficoltà a trasformare la potenza in energia e questo vale per il mezzogiorno intero”.

Articolo pubblicato il 17 maggio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus