Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lavoro autonomo, più tutele in caso di maternità e malattia
di Valeria Arena

Approvata la scorsa settimana la nuova norma che disciplina tutte le libere professioni e le partite Iva. Importanti novità per lo smartwork: risconosciuto “il diritto alla disconnessione”

Tags: Lavoro, Lavoro Autonomo



PALERMO – Con 145 sì, 45 voti contrari e 9 astenuti, è finalmente entrata in vigore, la scorsa settimana, la nuova norma che disciplina il lavoro autonomo, lo statuto che regola tutte le libere professioni, comprese le partite Iva iscritte alla gestione separata Inps, che in Sicilia, al primo gennaio 2017, hanno subito una flessione del 3,3% rispetto all’anno precedente. Il testo, fra le altre cose, garantisce maggiori tutale in caso di infortuni e per le lavoratrici autonome in maternità, e offre la possibilità ai dipendenti di gestire più liberamente orari e luoghi di lavoro. Ma entriamo nel dettaglio.
 
Pagamenti
Tutti i pagamenti dovranno essere espletati entro il periodo concordato, il quale di norma non dovrà mai superare i 60 giorni. Se i termini non dovessero essere fissati e specificati, la scadenza naturale sarà entro i 30 giorni dall’emissione della fattura. Accordi e pagamenti che superino questi termini saranno considerati abusivi. In questo caso, il lavoratore autonomo può anche richiedere un risarcimento per danni. Se, inoltre, il committente non volesse rivedere gli accordi (cosa che non può modificare unilateralmente), il dipendente potrà pretendere in tribunale il riconoscimento di tale diritto.
 
Malattia, infortuni e maternità
In caso di malattia o infortunio di durata superiore ai 60 giorni, il versamento dei contributi previdenziali e premi assicurativi sarà sospeso fino a un massimo di due anni e potrà essere versato a rate dopo la guarigione. Si allarga, per altro, la platea di beneficiari dell’indennità di malattia, la quale adesso comprende quei soggetti che abbiano superato il limite del 70% del massimale; esclusione, invece, per gli eventi di durata inferiore di tre giorni. Per quanto riguarda il congedo parentale fruibile dai genitori, viene inserito un tetto massimo di sei mesi, mentre per gli iscritti Inps sale da tre a sei mesi il periodo di congedo di cui è possibile usufruire nei primi tre anni di vita del bambino. Infine, le lavoratrici autonome potranno beneficiare di cinque mesi di maternità o di un’indennità di maternità durante il periodo di lavoro. Non scatta, infatti, l’astensione obbligatoria. La norma stabilisce inoltre che il rapporto di lavoro non si estingue in caso di gravidanza, malattia, infortunio per quei soggetti che hanno prestato la propria attività in via continuativa.
 
Smartwork
I lavoratori dipendenti potranno svolgere le loro mansioni senza vincoli di orario e di luogo. Per i lavori fuori dall’ufficio restano comunque in vigore i limiti di durata previsti dal contratto e dalla legge. Viene per altro riconosciuto il diritto alla disconnessione. Per chi volesse invece passare da un rapporto di lavoro a tempo indeterminato a uno a tempo indeterminato, è richiesto un preavviso non inferiore a 30 giorni, che sale a 90 nel caso in cui il lavoratore sia disabile. Ai dipendenti spetta un trattamento economico e normativo non inferiore a quello riconosciuto ai colleghi che svolgono le stesse mansioni esclusivamente all’interno dell’azienda.
 
Formazione deducibile
Sarà possibile dedurre, entro i 10 mila euro, i costi sostenuti per corsi di aggiornamento, convegni e master. Deducibilità che scende a cinque mila euro per i servizi personalizzati di certificazione delle competenze, ricerca e sostegno alla autoimprenditorialità, formazione o riqualificazione professionale mirate a sbocchi occupazionali effettivamente esistenti erogati dai Centri per l’impiego e dagli organismi accreditati. Stessa procedura anche per le spese sostenute per la garanzia contro il mancato pagamento delle prestazioni di lavoro autonomo fornita da forme assicurative o di solidarietà.
 
Concorsi pubblici
I lavoratori autonomi potranno partecipare a bandi pubblici e le pubbliche amministrazioni dovranno rendere più agevole l’accesso alle informazioni sulle relative gare.

Indennità di disoccupazione
Dal primo luglio 2017 verrà riconosciuta l’indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi, ad assegnisti e dottorandi di ricerca, sulla base di un incremento dell’aliquota contributiva dello 0,51%.

Saranno inoltre istituiti tavoli di confronto permanente sul lavoro autonomo, composti da rappresentati designati dal ministero del Lavoro, dalle associazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro e dalle associazioni di settore, mentre presso di Centri per l’impiego verrà istituito uno sportello relativo al lavoro autonomo. Previsti prestazioni sociali da parte della Casse pensionistiche per lavoratori affetti da gravi patologie o vittime di una consistente riduzione del reddito per ragioni non dipendenti alla propria volontà.

Articolo pubblicato il 20 maggio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus