Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Parlamento europeo. Maggiore coesione
di Carlo Alberto Tregua

Tajani, lavoro più incisivo

Tags: Antonio Tajani, Unione Europea



Dal Forum pubblicato all’interno con il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, del Gruppo Ppe (Partito popolare europeo), sono emerse le linee guida che egli intende dare allo stesso nel corso del suo mandato.
In primo luogo, ha sottolineato come occorra maggiore incisività nell’elaborare le leggi europee, cioè i regolamenti, che però non sono di esclusiva competenza del Parlamento ma devono essere anche approvate dal Consiglio d’Europa, formato dai capi di Stato e di Governo dei 28 membri (ancora per due anni la Gran Bretagna resta all’interno di esso).
Con questa maggiore incisività, l’Europarlamento intende esercitare l’azione politica attraverso i suoi 751 membri di cui 73 italiani perché è proprio attraverso le leggi che essa si mette in pratica.
Certo, la doppia sede di Bruxelles e Stasburgo non aiuta la facilità dei lavori, ma la Francia si oppone strenuamente alla chiusura della sede alsaziana, che fa spendere all’Unione un miliardo l’anno, a perdere. 

Prima di passare dal metodo al merito, voglio riferirvi dell’impressione nel visitare i grandi palazzi della capitale del piccolo Stato (circa 11 milioni di abitanti): quello del Parlamento, il secondo del Consiglio dell’Unione europea ed il terzo della Commissione, cioè dell’esecutivo, cioè del Governo.
Sono Palazzi immensi con spazi enormi, migliaia di studi per alloggiare gli assistenti parlamentari, i deputati, i funzionari e i dirigenti del Consiglio e della Commissione. Spese enormi per la costruzione, il mantenimento e la gestione. Tutte a carico dei contribuenti europei.
Il bilancio si basa sulle entrate che provengono dai 28 partners, le quali sono commisurate all’1% del Pil. L’Italia esborsa ogni anno all’incirca  17 miliardi, ricevendone cinque di meno. Quindi abbiamo il diritto, come tutti gli altri partners di chiedere parsimonia e oculatezza delle spese, che non corrispondono agli altissimi emolumenti che dirigenti e dipendenti europei percepiscono, sproporzionati agli emolumenti percepiti dai dirigenti e dipendenti delle Pubbliche amministrazioni degli Stati membri.
 
Sulla flessibilità, Tajani è stato chiaro, chiamadola col suo vero nome: ulteriore indebitamento che ricadrà sulle spalle delle future generazioni. Essa avrebbe giustificazione se fosse indirizzata ad investimenti pubblici e privati, ma quando uno Stato si indebita per accontentare la famelicità di tanti privilegiati questa operazione è deprecabile, soprattutto se mascherata da sostegno a un welfare dentro cui si annidano numerosissimi furbetti, che ogni tanto vengono smascherati dall’attività degli agenti della Guardia di finanza, condotti da Pubblici ministeri.
Sulla Brexit, Tajani non è stato pessimista, ritenendo che le due questioni principali riguardano il trattamento dei cittadini britannici che lavorano in Europa e di quelli europei che lavorano in quel Paese. La seconda questione riguarda il contenzioso finanziario secondo il quale vi sarebbe un debito del Regno unito di 100 miliardi di euro che quest’ultimo disconosce in tutto o in parte.

La questione dell’immigrazione, secondo il presidente dell’Europarlamento, ha una sola soluzione: la formulazione degli accordi con la Libia ed eventualmente con altri Paesi di imbarco degli immigrati. Tuttavia, l’invasione in Italia - centinaia di migliaia di persone - deve essere smaltita anche negli altri Paesi.
Proprio in questi giorni la Commissione europea ha ulteriormente minacciato l’apertura di una procedura d’infrazione nei confronti di quei Paesi che si rifiutano di accogliere gli immigrati. Fra essi i più restii sono: Ungheria, Cechia, Slovacchia, Romania, Bulgaria e Austria.
Tajani ha valutato positivamente l’avvento di Emmanuel Macron alla Presidenza della Repubblica francese perché è un segnale contro l’ondata di protesta, detta impropriamente populismo, contro i partiti tradizionali, che hanno supportato privilegi e demagogia, anziché fare un’attività istituzionale ispirata ai valori di equità e giustizia. Si è augurato che la Germania resti su questa scia ed ora, aggiungiamo noi, anche l’Austria con le sue elezioni anticipate.

Articolo pubblicato il 20 maggio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐