Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Regione, dipendenti in protesta ma nessuno parla di produttività
di Valeria Arena

La retribuzione media dei regionali è superiore a quella dei ministeriali di ben 6.865 €. L’ipotesi aumento di 85 € mensili resta ferma in attesa della Finanziaria bis

Tags: Ars, Dipendenti



PALERMO – Otto sigle sindacali siciliane (Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fp, Cobas/Codir, Sadirs, Siad, Ugil e Dirsi) hanno indetto per la giornata di domani un’assemblea/sit-in di tutto il personale regionale, degli Enti e delle società che ne adottano i contratti di lavoro. La ragione dell’iniziativa è “il mancato rinnovo – spiegano i sindacati in una nota congiunta – dei contratti di lavoro, giuridici ed economici, del comparto e della dirigenza, scaduti da oltre 10 anni, e il mancato riconoscimento delle professionalità del personale dipendente in stallo da oltre 26 anni e che sta causando una paralisi irreversibile della macchina amministrativa”.
 
L’ultimo accordo lavorativo approvato, applicato a dipendenti della Regione, a Partecipate, Enti locali e Camere di commercio, risale infatti al 2007, con riferimento però al quadriennio 2002-2015, mentre l’ultimo concorso interno ha visto la luce nel lontano 1983. I beneficiari di questo contratto collettivo sono, secondo i dati forniti dalla Corte dei Conti al 31 dicembre 2015, oltre 16 mila dipendenti regionali, tra personale esterno ed interno, e 1.400 dirigenti; un dato complessivo che, nonostante la contrazione registrata negli ultimi anni, resta comunque molto elevato sia in termini assoluti sia in rapporto al numero dei cittadini: il rapporto in Sicilia è infatti di 5,13 dipendenti ogni 1.000 abitanti in età lavorativa, a fronte di una media di 1,86 per le regioni, mentre quello tra dirigenti e restante personale regionale è pari a un dirigente ogni nove dipendenti.

Se da un lato l’attenzione di tutti è rivolta al rinnovo dei contratti e all’ipotesi aumento di 85 € mensili in busta paga, dall’altro nessuno mette in evidenza la differenza individuata tra retribuzione media dei nostri regionali e quelli ministeriali, che segna un gap, secondo i dati forniti dal Conto annuale dello Stato del 2015, di ben 6.865 euro a favore dei lavoratori siciliani. Differenza che potrebbe salire a 7.514 euro, considerando le 12 mensilità, se la proposta di inserire in busta paga ulteriori 85 euro venisse definitivamente approvata, facendo schizzare alle stelle la spesa dedicata al personale, a cui si aggiungerebbero almeno altri 40 milioni di spesa l’anno. La proposta però è attualmente congelata, ostaggio della Finanziaria bis che il prossimo 14 giugno arriverà in Aula per la consueta discussione e che contiene norme relative alla dirigenza e alla soppressione dell’Aran, l’agenzia per la rappresentanza negoziale della Regione Sicilia che si occupa proprio delle trattative riguardanti il contratto collettivo regionale di lavoro.

Articolo pubblicato il 07 giugno 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus