Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Tutti pazzi per la Metropolitana. Così l'hinterland irrompe in città
di Melania Tanteri

In funzione bus Nesima-Misterbianco e ora anche Belpasso scalpita. Dal 18 giugno la fascia ionica collegata con il Passante ferroviario

Tags: Catania, Metropolitana



CATANIA - Un’infrastruttura utile per la mobilità e l’ambiente. Un mezzo fondamentale per eliminare le auto dalla strada e liberare le città del traffico che risulta, però, inefficace se non riesce a intercettare la maggior parte dell’utenza. È la metropolitana che, a Catania, negli ultimi mesi ha fatto passi da gigante, arrivando a una lunghezza di 8,8 chilometri e ad undici - dieci in attesa della riapertura di Porto - fermate, riuscendo finalmente a collegare il centro cittadino (piazza Stesicoro) con la periferia (Nesima).

Un passo avanti che, però, necessita di ulteriori azioni per fare in modo che le stazioni della metropolitana possano essere raggiunte dagli abitanti dei quartieri vicini all’attuale capolinea. È quello che hanno pensato i sindaci di Misterbianco, Nino Di Guardo, e di Belpasso, Carlo Caputo, che hanno richiesto l’attivazione di navette gratuite da e per la fermata di  Nesima. Di Guardo, in attesa che la metropolitana arrivi nella zona commerciale di Misterbianco – l’arrivo a Monte Po è previsto entro il 2018 – ha chiesto e ottenuto, dalla direzione della Ferrovia circumetnea, l’attivazione di bus navetta che effettuino il collegamento dalle frazioni di Lineri e Montepalma e la fermata Nesima della metropolitana.

Così come ha recentemente fatto il collega di Belpasso, Carlo Caputo, per permettere ai cittadini sia del centro abitato che delle zone periferiche come quella di Piano Tavola di raggiungere velocemente il centro cittadino di Catania. Il primo cittadino ha infatti avanzato la proposta ai vertici della Fce nei giorni scorsi, durante un incontro durante il quale è stata  valutata la fattibilità del progetto. “Ringrazio la Ferrovia circumetnea - ha detto Caputo – soprattutto per essersi dimostrata sensibile verso una soluzione che potrebbe avvantaggiare molti abitanti della provincia. Mi auguro che il servizio bus tra Belpasso e la stazione della metropolitana di Nesima possa iniziare al più presto”.

Mentre nei paesi della fascia occidentale della provincia di Catania quindi ci si organizza per rendere la metropolitana “più vicina”, quelli della fascia ionica dovranno attendere ancora poco più di una settimana per vedere attivato il cosiddetto passante ferroviario, la metropolitana leggera che collegherà Acireale con la stazione centrale. La data di apertura fornita dall’assessore ai Lavori pubblici, Luigi Bosco, è il 18 giugno. “Attualmente – ha spiegato - stiamo procedendo con le verifiche di sicurezza della galleria, dal momento che passa nel centro cittadino. Entro la metà del mese la tratta comunque sarà aperta”.

 Si tratta di una vera e propria metropolitana di superficie che, in città, fermerà a Ognina, a Picanello (dove la fermata sarà invece attivata solo tra qualche mese), in piazza Europa ed infine alla stazione centrale.

Articolo pubblicato il 08 giugno 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus