Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Depurazione, a rischio turismo e ambiente
di Rosario Battiato

Palermo la peggiore d’Italia per effettiva capacità depurativa. L’allarme nell’Ato di Catania: chiesti urgenti interventi

Tags: Acqua, Servizi Idrici



PALERMO – Continua a destare preoccupazione la questione degli impianti di depurazione delle acque reflue. Già la scorsa estate durante un convegno ad Enna che serviva a fare il punto della situazione sulla questione del sistema idrico integrato proprio Laura Ciravolo dell’Ato2 Catania aveva dichiarato le sue perplessità sul sistema infrastrutturale ed in particolare sulla depurazione. “Su un milione e mezzo di abitanti – ha spiegato il direttore – solo 200 mila hanno il servizio di depurazione”.
Senza la depurazione adeguata i rischi immediati riguardano l’inquinamento delle falde sotterranee, dei corpi idrici, cioè fiumi, laghi e invasi, ed in ultima analisi delle acque marino-costiere. La capacità degli impianti in Sicilia è cresciuta del 26,6% tra il 2008/1999 ed attualmente ammonta a 5,5 milioni di AE (abitante equivalente). Tuttavia si è ancora molto lontani da uno standard ottimale in quanto la capacità necessaria richiesta per la Sicilia è pari a 8,5 milioni di AE, mentre l’isola attualmente arriva a 5,5 milioni di AE come capacità degli impianti realizzati.

La quota della capacità utilizzata sulla capacità effettivamente necessaria è pari al 42%, ed è la più bassa d’Italia. Tutte le aree a vocazione turistica, come la Liguria, la Sardegna, l’Emilia-Romagna, hanno invece impianti che arrivano a coprire fino al 60%-70% dimostrando un’accurata attenzione all’ambiente e alla cura degli abitanti e dei turisti. “C’è la necessità di un grande intervento infrastrutturale – ha proseguito Ciravolo – nelle due grandi aree delle provincia, cioè Etna Nord e il Calatino”.
Anche Palermo non sta affatto bene ed infatti risulta l’ultima città italiana per effettiva capacità depurativa con un risultato pari al 26,8%.

Articolo pubblicato il 17 dicembre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Acqua: poca, cara e sporca -
    Consumo. Gestione idrica, Sicilia lontana dagli standard.
    La fotografia. La Sicilia è lontana dagli obiettivi da raggiungere entro il 2013, primo fra tutti una dispersione di rete pari al 25%. Le due grandi città sono quelle più in difficoltà, soffre il loro sistema di depurazione.
    Il futuro. I gestori promettono investimenti per sanare una difficile situazione. I rincari sulle bollette appaiono inevitabili, con buona pace della privatizzazione o meno degli ambiti territoriali ottimali.
    (17 dicembre 2009)
  • Invasi. Sicilacque non ha risolto i problemi di gestione - (17 dicembre 2009)
  • Depurazione, a rischio turismo e ambiente -
    Palermo la peggiore d’Italia per effettiva capacità depurativa. L’allarme nell’Ato di Catania: chiesti urgenti interventi
    (17 dicembre 2009)
  • Invasi, scartamento ridotto e nell’Isola continua la sete -
    Le dighe potrebbero soddisfare il fabbisogno siciliano, ma non è così. Incapacità e mala gestione ne bloccano il funzionamento
    (17 dicembre 2009)


comments powered by Disqus