Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Da Patti a cantieri, siglati i contratti per la manutenzione di 17 scuole. Ecco l'elenco
di Paola Giordano

Nei prossimi mesi lavori a Librino e al viale De Gasperi per 50 milioni

Tags: Catania, Cantieri, Scuole, Enzo Bianco



CATANIA - “Oggi è una giornata bellissima: dai patti ai cantieri”: queste le parole del ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, arrivato ieri mattina a Catania per firmare, insieme al sindaco Enzo Bianco, i contratti con i responsabili delle 17 ditte appaltatrici per l’avvio ufficiale dei primi cantieri finanziati dal Patto per Catania.

“Oggi – ha proseguito il ministro - è una di quelle giornate in cui si vede che quello che abbiamo scritto nei Patti diventano cose che servono ai cittadini, che i cittadini possono vedere con i loro occhi ed utilizzare nella loro vita quotidiana. Catania – ha aggiunto - ha un ruolo di grande importanza. Il ruolo che le città metropolitane del Mezzogiorno sono chiamate a svolgere nel master plan é un ruolo centrale, un ruolo vivo della democrazia italiana. Il rapporto tra i sindaci delle città metropolitane, dei comuni delle aree metropolitane e i cittadini è un rapporto decisivo, vitale per costruire il futuro del Mezzogiorno”.

Dopo la firma, avvenuta nei locali dell’Istituto Malerba di piazza Pergolesi, il ministro De Vincenti e il sindaco Bianco hanno raggiunto l’Istituto comprensivo Capponi-Recupero per intervenire all’evento “I Patti diventano cantieri”. Qui, Bianco ha illustrato, con l’ausilio di alcune slide, i contenuti del Patto: si parte proprio dalle scuole, dall’agibilità e dalla sicurezza degli istituti cittadini, con gli interventi di manutenzione per l’adeguamento alla normativa di prevenzione incendi oggetto dei contratti firmati nella mattinata di ieri. Dai 308 mila euro stanziati per l’Istituto De Amicis di via Merlino ai 354.900 euro per il Malerba di via Messina, i primi cantieri prevedono investimenti per 5 milioni di euro.

I lavori partiranno quindi a giorni e dovrebbero concludersi, salvo imprevisti, prima della riapertura delle scuole. E non è finita qui perché altri interventi sono previsti per il secondo semestre del 2017: dalla realizzazione della caserma dei Carabinieri nella Zona industriale alla riqualificazione del popoloso rione Librino attraverso la realizzazione di infrastrutture green e di un parco urbano, dalla realizzazione di rampe di accesso e svincoli in viale Alcide De Gasperi (tratto Rotolo-Ognina) alla rifunzionalizzazione della rete museale, saranno questi alcuni dei progetti in pole position, pronti per partire nei prossimi sei mesi dell’anno in corso. Con un impegno di spesa non indifferente: ben 50 milioni di euro, a cui si aggiungerà quello - ancora più corposo – relativo al prossimo anno, dove di euro da investire ne saranno previsti 600 milioni. Di tale ingente somma una parte sarà destinata anche a progetti che interesseranno anche le periferie.

All’incontro erano presenti i rappresentanti delle forze produttive della città etnea, che hanno avuto modo di portare all’attenzione dei partecipanti all’evento i punti di vista delle categorie rappresentate. Ad accogliere il ministro c’erano anche gli studenti dell’Istituto di via Velletri che, nell’auditorium retrostante l’edificio scolastico, hanno dato il benvenuto agli illustri ospiti eseguendo alcuni brani musicali.
 
GLI INTERVENTI
1. Manutenzione dell’edificio scolastico della De Amicis di via Merlino, 30 per 308 mila euro.

2. Manutenzione dell’edificio scolastico della De Amicis di via Merlino, 28 per 168 mila euro.

3. Manutenzione dell’edificio scolastico della  scuola Pizzigoni di via Siena per 278.600 euro.

4. Manutenzione dell’edificio scolastico della scuola G. Verga  di via G. Leopardi per 279.600 euro.

5. Manutenzione dell’edificio scolastico della scuola N. Sauro  di via D. Chiesa per 191.800 euro.

6. Manutenzione dell’edificio scolastico della scuola G. Verga  di via A. De Gasperi per 244.900 euro.

7. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. Malerba  di piazza Pergolesi per 185.400 euro.

8. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. Malerba di via Pidatella, 127 per 276.900 euro.

9. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. Malerba  di via Messina, 438 per 354.900 euro.

10. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. Diaz-Manzoni di via Plebiscito, 784 per 284.888 euro.

11. Manutenzione dell’edificio scolastico della scuola G. Deledda di piazza Montessori per 294.800 euro.

12. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. Padre S. Di Guardo–Quasimodo di via Vitale, 22 per 233.800 euro.

13. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. Montessori di via Di Gregorio, 26 per 200 mila euro.

14. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. Montessori di via Di Gregorio, 22 per 265 mila euro.

15. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. Montessori di via IV Novembre  per 302 mila euro.

16. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. Malerba di via Anfuso Catania per 241 mila euro.

17. Manutenzione dell’edificio scolastico dell’I.C. D’Annunzio-Don Milani di via Brindisi, 11  per 264.900 euro.

Articolo pubblicato il 16 giugno 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐