Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Dolori derivanti da fibromi uterini. Come avviene la diagnosi
di Redazione in collaborazione con Studio di radiologia D'Amore

Tumori benigni costituiti da piccoli noduli



I fibromi uterini sono tumori benigni dell’utero piuttosto comuni; sono piccoli noduli che si sviluppano nella parete uterina, costituiti da un nodulo unico o da diversi noduli a forma di grappolo, di dimensioni variabili.

Ad oggi non si conosce la causa alla base della loro formazione; si tratta probabilmente dell’insieme di numerosi fattori, risultato di una combinazione di cause genetiche, ormonali e ambientali.

Esiste però una consistente evidenza che siano ormono-dipendenti, infatti gli estrogeni e il progesterone ne facilitano la crescita. Nel 50% dei casi i fibromi uterini sono asintomatici, per cui possono essere scoperti in corso di accertamenti ginecologici. I sintomi tipici dei fibromi possono essere mestruazioni più abbondanti e/o dolorose, sanguinamenti tra una mestruazione e l’altra, ecc.
 
Generalmente è una patologia non pericolosa ma in rari casi i fibromi possono provocare un dolore improvviso al basso ventre o sanguinamento improvviso. In questi casi è necessario recarsi immediatamente al pronto soccorso. La diagnosi può avvenire eseguendo uno dei seguenti esami:
- L’ecografia nel doppio approccio transaddominale e transvaginale, è un esame del tutto indolore e privo di pericoli che permette di ottenere preziose informazioni, attraverso la ricostruzione delle immagini registrate attraverso l’uso di ultrasuoni.
- La risonanza magnetica fa uso di onde radio e di un potente magnete per ottenere immagini più dettagliate dell’utero; si tratta di un esame più sofisticato e preciso. Fornisce una dettagliata mappa della localizzazione dei fibromi, del loro numero e delle dimensioni; in virtù dell’ottima risoluzione di contrasto, la risonanza fornisce una precisa differenziazione delle varie strutture anatomiche nella pelvi, per questo motivo è l'esame più indicato.

La diagnostica isteroscopica è infine utile nel differenziare il fibroma sottomucoso da un polipo endometriale; oltre a fornire la spiegazione dei sintomi, è in grado di effettuare contestualmente la resezione, ma è un esame leggermente più invasivo dei precedenti.

Articolo pubblicato il 01 luglio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐