Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Punture di medusa, niente panico la soluzione è... l'acqua di mare
di Redazione

Altri rimedi sono l’aloe e il bicarbonato. No ad ammoniaca ed aceto

Tags: Medusa, Mare



CATANIA - Cosa fare se si entra accidentalmente in contatto con una medusa? Sui rimedi migliori da utilizzare in caso di punture di medusa il dibattito è aperto, ma è una raccomandazione condivisa quella di risciacquare la parte interessata con dell'acqua di mare. Meglio evitare l'acqua dolce, che favorirebbe la circolazione delle tossine dalla medusa.

Come rimedio naturale per le punture di medusa ci viene incontro il bicarbonato. Preparate un composto cremoso mescolando il bicarbonato con un po' d'acqua. Spalmatelo sulla ferita e lasciate agire per almeno 30 secondi. Il bicarbonato aiuta ad alleviare la sensazione di prurito.

Una volta usciti dall'acqua è opportuno rimuovere i tentacoli. L'acqua salata aiuta nella rimozione di questi. Ma se ciò non dovesse essere sufficiente, non usate mai oggetti taglienti come lame di coltello o forbici. Il consiglio in questo caso è di ricorrere ad un oggetto rigido ma non tagliente come la carta di credito, o comunque una tessera plastificata. Potete anche usare le dita, ma risciacquatele subito.

Le creme cortisoniche e le creme antistaminiche non hanno effetto sulle punture di medusa perché entrano in azione solo dopo 30 minuti, cioè quando la reazione ha già raggiunto il picco massimo. Se decidete di applicare un rimedio acquistato in farmacia, potrebbe essere utile applicare una garza medica sulla parte da trattare.

Tra i rimedi popolari per il trattamento delle punture di medusa troviamo l'applicazione di ammoniaca, alcol, aceto o urina. Si tratta di rimedi che non trovano l'accordo della comunità scientifica. In particolare, il rimedio dell'aceto sarebbe efficace solo per le meduse tropicali mentre per quelle mediterranee si rivelerebbe un accorgimento controindicato, in grado persino di acuirne il bruciore.
Il Ledum palustre è il rimedio omeopatico consigliato in caso si entri a contatto con una medusa. Si tratta dello stesso prodotto ritenuto efficace per prevenire le punture di zanzara. Si può usare il ledum palustre anche disciolto in acqua per creare una soluzione da utilizzare come impacchi.

Se volete applicare un prodotto naturale sulla parte punta dalla medusa, potrete rivolgervi all'aloe vera e alla calendula. Risciacquate sempre la zona con dell'acqua di mare. Non strofinate e quando la pelle si sarà asciugata applicate del gel d'aloe vera o una pomata alla calendula.

Le punture di medusa sono fastidiose ma non sono mortali. In alcuni casi però possono portare a complicazioni nonostante i trattamenti tempestivi. Ad esempio, possono comparire delle difficoltà respiratorie. Le persone allergiche potrebbero andare incontro al rischio di shock anafilattico. Se appaiono sintomi inattesi e il problema non si risolve in breve tempo, la soluzione è quella di andare subito al pronto soccorso.

Articolo pubblicato il 07 luglio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus