Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia

Grillo lancia Cancelleri: "Smonteremo la Regione"
di Redazione

Il deputato Ars è il candidato del M5s alla Presidenza della Regione siciliana

Tags: Elezioni, Giancalo Cancelleri, M5s, Beppe Grillo, Sicilia



E’ Giancarlo Cancelleri il candidato alla presidenza della Sicilia del M5S. Lo annuncia Beppe Grillo che subito dopo abbraccia il vincitore delle Regionarie, applaudito dalla platea. Hanno votato sulla piattaforma Rousseau "4350 iscritti certificati", afferma Grillo.

"Smonteremo la Regione, daremo una speranza ai siciliani. Il biglietto da visita nei confronti dei cittadini sarà il taglio di vitalizi e privilegi e la riduzione degli stipendi ai deputati regionali: non è una legge che serve alla Sicilia, ma serve ai cittadini per capire che è finito il tempo della politica slegata dalla realtà”, ha detto il candidato pentastellato in due interviste al Corsera e Repubblica, ribadendo un assoluto “no” alle alleanze. "Al momento guardiamo a quel 55% che non vuole andare a votare. Comunque vedremo all'indomani delle elezioni chi entrerà nel Parlamento regionale e a quel punto - spiega Cancelleri - faremo una cosa molto semplice se non avremo i numeri: noi mettiamo dieci punti sul piatto e vediamo chi ci vuole stare. Metteremo al centro il programma e le cose buone da fare: con noi è finito il tempo della spartizione delle poltrone e della Sicilia". Nel programma, "oltre al reddito di cittadinanza, le priorità sono sanità, infrastrutture, imprese. Vogliamo abbassare le tasse regionali. Con i tagli alla politica finanziare borse di studio per giovani laureati. Possono fare il praticantato in Regione", dichiara Cancelleri. Sulle infrastrutture "penso a delle partnership con degli investitori privati per modernizzare la rete ferroviaria, che è ferma ai tempi di Mussolini in alcuni casi, e la rete stradale". Quanto alla questione migranti, "la Regione non ha voce in capitolo, ma vive poi come porta d'ingresso questa realtà drammatica. Noi vogliamo che il governo indichi il presidente della Regione come Commissario straordinario per questa emergenza", evidenzia Cancelleri.
 
Il profilo del candidato a cinque stelle
Nisseno, quarantadue anni, uomo forte del M5S, fedelissimo di Luigi Di Maio, e membro, di fatto, dello stato maggiore del Movimento: Cancelleri con la vittoria delle Regionarie pentastellate a novembre riproverà a correre per la presidenza della Sicilia dopo averci provato 5 anni fa. Nel 2012 il Movimento era agli albori ma, proprio nell'antica Trinacria mosse i primi, clamorosi, passi: si presentò per la prima volta e fu il primo partito con oltre il 14%, Cancelleri non ce la fece a diventare governatore ma il M5S ottenne 15 seggi. E il risultato lanciò la Sicilia - dove Grillo fece la celebre nuotata nello Stretto di Messina - come un vero e proprio fortino pentastellato.

Cancelleri era attivo già da tempo: il suo sodalizio con Grillo risale al 2008 quando organizzò un Vaffa Day nella sua città, Caltanisetta, dove fondò poi i "Grilli Nisseni" e il M5S cittadino. Geometra, appassionato di musica haevy metal, Cancelleri entra in politica nel 2007 organizzando un comitato contro il caro bollette. Nel 2010, quando già è un esponente "grillino", è inoltre tra i fondatori del comitato Scorta civica, che si propone di supportare i magistrati minacciati dalla mafia e a cui è stato conferito il premio 'Pippo Fava'. Cancelleri durante l'ultimo quinquennio all'Ars si fa strada, avvicinandosi ai vertici M5S: è uno dei responsabili degli Enti locali del Movimento (gestisce il Meridione) e fa parte del comitato di appello previsto dallo statuto pentastellato. In Sicilia, nel settembre scorso, è tra gli organizzatori di Italia 5 Stelle a Palermo dove, tuttavia, deve fronteggiare il caso delle firme false entrando in rotta con l'area dei "monaci" del M5S. Una vicenda che rischia di minare la sua corsa alla presidenza. Ma sulla sua vittoria alle Regionarie, ad una manciata di minuti dall'annuncio del risultato del voto online, nessuno aveva dubbi.

Articolo pubblicato il 10 luglio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐