Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Fra tradizioni, artigianato e gastronomia le Panigiria di Cipro accolgono i visitatori
di Redazione

Le celebrazioni dedicate ai santi patroni dell’isola vivono il loro periodo culmine proprio da metà primavera all’autunno

Tags: Turismo, Cipro



in collaborazione con ITALPRESS
 
ROMA - L’estate cipriota non è bella solo per le acque cristalline dell’isola, tra le più pulite in assoluto del Mediterraneo, ma anche per l’autentico spirito di festa che la pervade tutta, grazie alla preziosa opera di gioiosa difesa delle tradizioni legate alle celebrazioni dedicate ai santi patroni, chiamate Panigiria.

Osservando da vicino il calendario si rileva, in verità, che le Panigiria non sono appannaggio unicamente dei mesi estivi, con numerosi appuntamenti che si susseguono dall’inizio di febbraio a metà dicembre. Quelle, tuttavia, che vanno in scena da metà primavera e meta autunno, quando ci si può godere una vacanza - o un long weekend - di mare, sono perfette per vivere uno degli aspetti più autentici di Cipro nel migliore dei modi, andando alla scoperta di suggestivi villaggi come Peristerona e Omodos, solo per citarne un paio.

Essendo strettamente legate ai santi patroni o ad altre ricorrenze come l’Assunzione di Maria, queste particolari feste hanno luogo in borghi differenti dell’isola e ognuno di loro ha un proprio modo speciale di celebrare la ricorrenza.

Vale la pena, quindi, fare una piccola ricerca per appuntarsi le date e non perdere l’opportunità di unirsi alle celebrazioni alla comunità locale, che vive con grande piacere la condivisione con i visitatori di questi momenti speciali per la vita dei differenti paesi. Denominatore comune di tutti, i momenti di ritualità in prossimità della chiesa principale; la processione in orario serale con l’icona del santo, che rappresenta un momento di grande suggestione, molto sentito da parte della popolazione; senza dimenticare l’allestimento di corner dedicati alla gastronomia del luogo nelle stradine del centro, trasformate per l’occasione in una sorta di ristorante diffuso, dove poter sperimentare la bontà e la ricchezza della gastronomia cipriota.

In passato, le Panigiria erano solite radunare anche i migliori artigiani della zona. Attualmente, anche in relazione al cambiamento degli scenari socio-economici, la loro presenza non è più così nutrita, ma, fortunatamente, è ancora attiva e gli acquisti che si possono fare sono davvero interessanti: manufatti in rame, oggetti per la casa, pizzi e merletti, ceramiche, gioielli in argento, solo per citare alcune di esse.

Altro motivo per non perdersi questi appuntamenti è la particolarità di alcune chiese legate ai santi a cui si rende omaggio: gioielli bizantini come quella dedicata a Santa Paraskevi (17 luglio), nel villaggio di Geroskipou, risalente al IX secolo che, tra le altre cose, contiene affreschi databili tra il IX e il XV secolo e antiche icone.
Una menzione speciale, proprio per l’importanza a essa attribuita, va alla ricorrenza più sentita: il 15 agosto, la festa dell’Assunzione di Maria nei Monasteri di Kykkos, di Chrysorrogiatissa, e di Agia Napa, nei villaggi di Deftera (Lefkosia), Liopetri (Ammochostos) e Kiti (Larnaka).

IL CALENDARIO - Scorrendo le date in arrivo, si vede che il primo appuntamento in programma per il cuore dell’estate è il 17 luglio con Santa Marina, nel villaggio di Xylotympou, ubicato nell’area di Famagosta (Ammochostos). Il 26 luglio si celebra Santa Paraskevi nei villaggi di Geroskipou (Pafos) e di Leivadia (Larnaka); il 6 agosto, a Sotira (Ammochostos) la trasfigurazione di Gesù Cristo Salvatore; il 2 settembre, a Peristerona (Pafos), San Mamete; il 6 settembre l’Arcangelo Michele a Frenaros (Ammochostos); l’8 settembre, in numerose località, la nascita della vergine Maria; il 14 settembre a Omodos (Lemesos) e a Lefkara (Larnaka), l’esaltazione della Croce; il 22 settembre, a Athieniou (Larnaka), San Fokas; il 24 settembre, a Sotira (Ammochostos), Santa Tecla e il 28 settembre, nell’omonimo monastero, San Neofito (Pafos); il 2 ottobre, a Meniko (Lefkosia), San Cipriano.

Articolo pubblicato il 11 luglio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus