Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ocse, i docenti italiani tra i più poveri d'Europa
di Redazione

Dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico: peggio dell’Italia solo la Grecia. Nel resto dei Paesi percentuale in crescita. Anief: “Negli ultimi tre anni l’arretramento di potere degli stipendi ha superato abbondantemente il 10%”

Tags: Docenti, Scuola, Ocse, Anief



ROMA - Gli stipendi dei docenti italiani vanno sempre più giù: lo rileva l’Ocse, sostenendo che tra il 2005 e il 2014 in Europa i nostri insegnanti sono stati quelli che hanno perso più valore di tutti. Solo la Grecia ha fatto peggio, ma per ovvi motivi non fa testo. Quindi, ancora una volta quando a fotografare la scuola sono gli analisti fuori i nostri confini, scevri da condizionamenti e giustificazioni partigiane, la verità esce fuori. Ed è, purtroppo, una realtà amara. Perché siamo gli unici ad aver fatto perdere ai nostri docenti il 7%. Nello stesso decennio, in Finlandia le buste paga di chi fa formazione pubblica sono cresciute di 6 punti percentuali, in Norvegia del 9%, in Germania del 10%, in Irlanda del 13%.

Gli andamenti stipendiali non fanno altro che confermare quello che l’Anief sostiene da tempo: il trattamento economico dei nostri insegnanti - fermo a poco più di 29mila euro lordi annui - rappresenta un affronto rispetto al prezioso lavoro che continuano a svolgere con serietà e senso del dovere. Inoltre, considerano anche gli ultimi tre anni, invece esclusi dallo studio Ocse, l’arretramento di potere degli stipendi dei nostri insegnanti supera abbondantemente il 10%: secondo l’Ufficio Studi del sindacato si attesta addirittura a -14%.

I dati emessi dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico hanno prodotto una comprensibile sdegnata reazione. Come quella della senatrice Maria Mussini, vicepresidente del Gruppo Misto al Senato, che ha chiesto alla ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, di “cominciare almeno col dimezzare o ridurre di due terzi il numero di studenti per classe. In questo modo - continua Mussini - in attesa di trovare il coraggio per uniformare i salari della docenza italiana a quella del resto d’Europa, si potrebbe in parte alleviare la fatica di maestri e professori sulle cui spalle, da venti anni a questa parte, pesano anche tutte quelle responsabilità che società e famiglie oberate dalle difficoltà non riescono più ad assumersi”.

L’Anief ritiene positivo l’interessamento e le indicazioni che giungono a favore della categoria. Tuttavia, è convinta anche che l’unica soluzione per incrementare gli stipendi rimane quella di prevedere un finanziamento straordinario. “Qualsiasi via alternativa - replica Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – rappresenta solo dei palliativi: i docenti sono lavoratori che, come dice l’Ocse, vanno pagati in modo proporzionale al servizio professionale prodotto. Negare questo concetto, significa creargli un danno. Di carattere morale e pratico”.

Pacifico continua ricordando che “molti di loro prestano servizio lontano da casa. Da due anni a questa parte, nemmeno per scelta, ma solo per aver chiesto di essere assunti in ruolo. A fine mese, questi insegnanti hanno delle spese vive, per l’affitto dell’appartamento, per i trasporti, per vivere: non si può dire ancora loro che non ci sono soldi e che si arrangino. Ecco perché la riduzione del numero di alunni, benché sia un provvedimento indispensabile per insegnare in modo proficuo e rispettando le norme sulla sicurezza negli ambienti di lavoro, non ha nulla a che vedere con l’aumento stipendiale”. “È come se si volesse curare l’ammalato accogliendolo in una stanza d’ospedale più confortevole e con meno posti letto, senza però curarlo e negandogli quindi i medicinali di cui ha bisogno: l’unica cura per i nostri docenti, per rimanere in tema, è dargli più soldi a fine mese. Il resto, sono palliativi, di cui abbiamo le tasche piene”, conclude il sindacalista Anief-Cisal.

Proprio per recuperare il gap rispetto agli altri docenti d’Europa, Anief ha già fatto sapere, al tavolo di contrattazione sull’Atto di indirizzo, che non accetterà mai un rinnovo contrattuale con pochi spiccioli, tra l’altro pure assegnati per fasce stipendiali ispirandosi al modello  Robin Hood nella foresta di Sherwood: il minimo che il Governo possa proporre è il recupero dell’inflazione indicizzata, a partire da settembre 2015, come ha stabilito due anni fa la Corte Costituzionale, che in media fa 105 euro. A cui si aggiunge la stessa cifra per l’aumento effettivo: quindi almeno 210 euro a docente. Ma siccome sinora non ci sono i presupposti per ottenere tali cifre, Anief ha deciso sin d’ora di mettere a disposizione dei lavoratori i modelli di diffida per il recupero totale degli arretrati, attraverso lo sblocco dell’Indennità di vacanza contrattuale da assegnare per legge.

Articolo pubblicato il 12 luglio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus