Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Aci Castello, lavori in deroga per il collettore di salvaguardia
di Desirée Miranda

Ok al cantiere in via Dietro le Mura. Drago: “Così garantiamo sicurezza scuole”

Tags: Catania, Aci Castello



ACI CASTELLO - Deroga alla legge che blocca i lavori nel territorio di Acicastello dal 15 giugno al 15 settembre: i lavori per la condotta di salvaguardia che porterà i reflui del Comune al depuratore catanese di Pantano d’Arci potranno continuare nel tratto di via Dietro le Mura.

“Una scelta legata alla volontà di evitare problemi di sicurezza e viabilità a settembre, quando riaprirà la scuola di piazza Micale, nonché di evitare disagi a tutti quei studenti pendolari che vanno nelle scuole superiori di Acireale e Catania”, dichiara il primo cittadino Filippo Drago. Una decisione fortemente spinta dalla società di costruzione della condotta che ha chiesto la deroga all’ordinanza che vieta i lavori nel periodo estivo.

Se qualche settimana fa è stato autorizzato lo scavo in via Mollica a Cannizzaro, ma solo nel tratto vicino di piazza Sciuti dove sono state chiuse due della quattro carreggiate, da ieri 13 luglio è ufficiale che dal 18 luglio fino al 6 agosto anche via Dietro Le Mura sarà interessata dai lavori per il collettore di salvaguardia, anche se solo nel tratto da angolo via IV Novembre ad angolo via Verona. La parte restante sarà interessata dal 15 settembre. Tra pochi giorni comunque il tratto sarà completamente chiuso al traffico veicolare. Per i residenti è stato istituito il doppio senso di circolazione in via Dietro le Mura, nel tratto da via Verona a via dei Normanni. I lavori dureranno 20 giorni lavorativi e sconvolgeranno un po’ la fisionomia del paese, come pure dovranno cambiare percorso due linee di autobus, una dell’Amt e una dell’Ast.

Una situazione che al Comune conoscono bene, data la fisionomia del territorio con strade piccole e abitato compatto, tanto che “abbiamo dato delle clausole alla ditta per potere dire sì al proseguo dei lavori in questo tratto, condizioni senza le quali l’ordinanza verrebbe ritirata”, afferma il sindaco Drago.
Il riferimento è soprattutto alla comunicazione che la ditta deve diffondere capillarmente ai cittadini per avvisarli dei disagi. “Articoli di giornale, locandine, incontro con le attività commerciali oltre a segnali stradali e tutto ciò che può essere fatto perché i castellesi sappiano cosa succede”, aggiunge Drago.
“Abbiamo chiesto la deroga e il sindaco ha detto sì solo a patto di avvisi a tutta la cittadinanza, faremo un volantinaggio”, conferma l’ingegnere Ignazio Cassaniti responsabile per la sicurezza del progetto.

Per quanto riguarda i cambiamenti nel percorso degli autobus aggiunge: “Quello dell’Amt farà una fermata alternativa in via dei Normanni e passando dalla nazionale, da via Livorno e via 21 aprile, arriverà fino in piazza Sciuti a Cannizzaro per poi raggiungere il lungomare. Dall’Ast invece non ci hanno comunicato il percorso alternativo, che comunque dovrà passare dalla nazionale, ma solo che valuteranno di fare anche loro una fermata alternativa”, spiega Ignazio Cassaniti, responsabile per la sicurezza del progetto.
“È importante andare avanti almeno in queste strade così a settembre, quando il flusso di persone è certamente maggiore e si sposta secondo orari precisi, ci saranno meno disagi”, conclude Cassaniti.

Articolo pubblicato il 14 luglio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus