Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Incendi, Sicilia senza aerei e la Regione paga lo Stato
di Redazione

Il ministro Galletti relaziona in Senato. Finora 4.500 interventi a terra. Impegnati 350 mila € per il supporto antincendio via cielo

Tags: Incendi, Sicilia, Gianluca Galletti, Canadair



PALERMO - “La Regione Siciliana è sprovvista di una flotta” aerea regionale per lo spegnimento degli incendi. Lo ha detto il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, durante una audizione sull’emergenza incendi davanti la commissione Ambiente del Senato, con particolare riferimento alla Sicilia e al Parco nazionale del Vesuvio.

“Ciò ha inciso e incide in modo determinante sul rilevantissimo volume delle richieste di intervento di concorso della flotta aerea di Stato. Basti pensare che le richieste lanciate dalla Sicilia, già nel mese di maggio, hanno rappresentato circa il 48% del complessivo dato nazionale, evidenziando un sensibile aumento rispetto all'ultimo quadriennio”, ha aggiunto Galletti. “Tenuto conto della situazione, per apportare un contributo alla soluzione della delicata situazione - ha detto il ministro - il Dipartimento della Protezione Civile ha trasmesso tre note al presidente della Regione Siciliana richiamando le responsabilità affidate alle Regioni, ribadendo l'impegno delle strutture statali per fronteggiare la situazione incendi nel territorio regionale e segnalando l‘anomalo incremento di richieste di concorso aereo”.

Per rimediare, il ministro ha ricordato che si è deciso di sottoscrivere una convenzione tra Regione e Vigili del fuoco per impiegare assetti ad ala rotante dedicati alla Regione stessa ad uso esclusivo antincendio ed è stato inoltre previsto il supporto di due mezzi aerei ad ala rotante del comparto Difesa da dedicare alla Regione Siciliana per le attività antincendio previa sottoscrizione di una convenzione a titolo oneroso a carico della Regione stessa. Quest’ultima ha confermato la disponibilità al rimborso dei costi sostenuti impegnando la somma di 350mila €.

I dati complessivi dell’emergenza restano impressionanti: da metà giugno  i Vigili del fuoco hanno effettuato più di 4.500 interventi di spegnimento a terra. Per Galletti la Sicilia è, al momento, la Regione in cui è stato attivato il maggior numero di interventi aerei: 184, su un totale a livello nazionale pari a 632.

Articolo pubblicato il 28 luglio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐