Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Alonissos, un paradiso ecosostenibile per ritrovare se stessi in mezzo alla natura
di Nicoletta Fontana

Nell’Isola greca panorami mozzafiato e vegetazione rigogliosa. Cucina tipica a base di pesce e shopping in raffinate boutique

Tags: Alonissos, Grecia



Sbarcando ad Alonissos si resta colpiti dall’intenso verde dei suoi pini che si staglia in un mare cristallino, regalando al visitatore un’immediata sensazione  di pace e “good vibes”.

Alonissos è per antonomasia l’isola verde delle Sporadi, non solo per la sua ricca e foltissima vegetazione, ma “verde” perchè fa parte delle “Top global green destinations” nel mondo.

Un paradiso eco-friendly, in cui è vietato l’utilizzo dei sacchetti di plastica  e  la raccolta differenziata funziona a regola d’arte, grazie e soprattutto  alla lungimiranza del sindaco Petros Vafinis, che ama definire questo luogo  un “Eco Paradise”, impegnandosi da anni  anche nella tutela del Parco Marino più importante della Grecia, in cui vivono le poche foche monache sopravvissute all’inesorabile estinzione, che l’hanno scelto per la loro riproduzione.

Un’isola per tutte le stagioni, per le fantastiche vedute mozzafiato e il profumo delle piante  e fiori che crescono sul territorio, regalando nelle varie stagioni tutte le policromie esistenti in natura.

Quest’isola richiama un turismo tranquillo, discreto e sportivo, anche per le innumerevoli  possibilità di fare hiking o  passeggiate in mountain bike. Al porto di Patitiri, il villaggio principale dell’isola, approdano i traghetti e gli aliscafi  provenienti dalle varie parti della Grecia. è il centro dello shopping, un luogo in cui non mancano bar e  ristoranti in cui godere delle delizie dell’enogastronomia greca.
Uno fra tutti  l’Archipelagos, una classica “taverna”  in cui la cucina greca si mostra nei suoi piatti più tradizionali a partire dalla Moussaka,  il polipo alla griglia,  sempre accompagnato dal  mitico Tzaziki, il tutto innaffiato dal tipico liquore Ouzo o  dall’ottima birra locale Mythos.

Da Patitiri partono anche  i barconi per il  Parco Marino, ma per un tour più privato il mio consiglio è di affidarsi al capitano Panos Anagnostou dell’Alonissos Sea Colours Dive Center, che  vi porterà alla scoperta dei segreti della riserva  con la possibilità anche di fare immersioni  e snorkeling.

Tante le spiagge, tutte diverse una dall’altra, in generale  facili da raggiungere anche in auto o in moto. Tra le più belle Chirisi Milià, il mare nella baia è di un verde smeraldo molto simile a quello delle isole tropicali in cui la  sabbia rosso ocra si contrappone prepotentemente alla vegetazione verdissima arroccata sulle rocce della baia. Di fronte nell’insenatura si può  vedere  un isolotto rosso e roccioso, mentre sullo sfondo emergono come statue i “Due Fratelli”, ovvero due isolotti che fanno parte, anche loro, del Parco Marino.

Kokkinokastro, a soli 5, 5 Km dal centro di Patitiri, regala un mare azzurro, sabbia gialla ed è forse una delle più affascinanti dell’isola.
Aghios Dimitrios, la più grande delle spiagge di Alonissos, posta nella costa sud orientale, è raggiungibile da una fitta  vegetazione di pineti e uliveti, attraversando uno dei tre  tipici villaggi di pescatori presenti sull’isola.

La sua caratteristica è di avere delle pietre bianche che contrastano con un mare blu cobalto. Sullo sfondo  si può ammirare l’isola disabitata di Peristera, mentre alle sue spalle vi è una piccola palude in cui d’inverno gli uccelli migratori si abbeverano durante i loro trasferimenti. Magica!

La Hora dei Alonissos è un caratteristico gioiello greco,  tanti negozietti per un shopping raffinato,  come da Antique in cui potrete trovare monili, borse e bijoux fatti dalla proprietaria, o da Elenas Shop per fare incetta di parei e kaftani molto chic, ma dai prezzi poco esosi.

Si mangia da Hayati, una locanda sul punto più alto della Hora, affacciati  sulla baia di Megalos Mourtias, per degustare la “Tyropita”, una torta tipica delle Sporadi,  ripiena di feta o di spinaci, preparata  ancora alla maniera tradizionale con la pasta tirata a mano dalla proprietaria della locanda, e poi fritta in olio bollente.  Deliziosa! Tra l’atmosfera della luce soffusa delle  candele e il panorama, questo è realmente un luogo da non  perdere.

Lungo le intricate viuzze della Hora prendetevi il tempo per  entrare  nella chiesa di San Nicola, che fu cattedrale fino agli sessanta, ricostruita sulla base di un’antico tempio bizantino, e nella chiesa di Gynekonitis, dedicata alla natività, caso raro nella religione ortodossa, particolare perchè all’interno le donne vengono separate dagli uomini.
Calma, poco frequentata, Alonissos è la meta ideale per coloro che desiderano isolarsi e vivere a stretto contatto con una natura avvolgente, considerando questa situazione il “Vero Lusso” del  secondo millennio.

Non è un caso che diversi scultori illuminati tra cui John Simpson, Larry Rink, Jorgen Weinreich-Larsen l’abbiano scelta come loro dimora per la vita. Le loro opere sono esposte all’Alonissos Museum di Patititiri.
 
Hotels:
Alonissos Beach Resort
(www.alonissosbeach.com)
Un tranquillo hotel quattro stelle, che si affaccia sulla spiaggia di Chrisi Milia in cui oltre alla pace che regala la baia sulla quale è arroccato, ha un ottimo il servizio e una eccellente Spa.

Marpunta Village Club
(www.marpunta.com)
Hotel quattro stelle, appena ristrutturato, colpisce per il suo interior design contemporaneo e raffinato, circondato da tre spiagge private, dalle quali si possono ammirare incantevoli tramonti. Al suo interno ha due eccellenti ristoranti. Ideale per le famiglie, anche per la presenza  del Kinder Garden. Tante le attività sportive da poter praticare tra cui: tennis, Volley ball,  tiro con l’arco e lezioni yoga. Eccellente.


Nella prossima puntata, seconda tappa in Grecia alla scoperta di Skiathos

Articolo pubblicato il 28 luglio 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus