Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Yemen, altri migranti abbandonati in mare
di Redazione

Buttati in acqua dagli scafisti, due i casi avvenuti in meno di 24 ore

Tags: Migranti, Yemen



ROMA - Oltre 100 migranti del Corno d’Africa sono morti al largo dello Yemen nelle ultime 24 ore, dopo essere stati costretti dai trafficanti a buttarsi in acqua per evitare problemi sulla costa. Mentre in Europa più di 700 migranti hanno cercato di entrare nell’enclave spagnola di Ceuta e altre decine di giovani africani sono sbarcati su una spiaggia di Cadice, nel Sud della Spagna, tra la sorpresa dei bagnanti.

Nonostante la guerra in corso dal marzo 2015, costata la vita finora a oltre 8.000 persone, lo Yemen continua ad attrarre persone in fuga dal Corno d’Africa. Secondo i dati Oim, sono circa 55.000 i migranti partiti dal Corno d’Africa alla volta dello Yemen dall’inizio del 2017, la maggior parte dei quali intenzionati a raggiungere i ricchi Paesi del Golfo. Più di 30.000 di loro sono somali ed etiopi e hanno meno di 18 anni, mentre si stima che un terzo sia donna.

Ieri circa 180 migranti sono stati costretti dai trafficanti a lasciare la loro imbarcazione al largo della costa yemenita, e almeno cinque di loro sono annegati mentre altri 50 risultano dispersi. Si tratta del secondo incidente avvenuto in “appena 24 ore”, ha sottolineato l’agenzia Onu, dopo che mercoledì i trafficanti avevano “deliberatamente gettato in mare” i 120 somali ed etiopi presenti sulla barca, “per timore di essere arrestati dalle autorità un volta arrivati a riva”.
Almeno 29 i migranti annegati e altri 22 dati per dispersi, tra cui “tante donne e bambini”.

L’agenzia Onu ha prestato soccorso a 27 sopravvissuti, donne e uomini, mentre altri 42 avevano già lasciato la spiaggia. “Ci hanno detto che il trafficante è già tornato in Somalia per proseguire nel suo business e radunare altri migranti da portare in Yemen lungo la stessa rotta. è scioccante e disumano - ha detto il capo missione Oim Laurent de Boeck - le sofferenze dei migranti su questa rotta migratoria è enorma. Troppi giovani pagano i trafficanti con la falsa speranza di un futuro migliore”.

Intanto continuano gli ‘assalti’ di migranti a Ceuta. In più di 700 hanno tentato questa mattina di entrare dal territorio marocchino nell’enclave spagnola attraverso il valico di frontiera di El Tarajal. è la terza volta, in meno di quattro giorni, che le forze di sicurezza spagnole e marocchine respingono un tentativo di ingresso dell’enclave spagnola.

Lunedì scorso 187 migranti sono riusciti a entrare a Ceuta correndo all’impazzata alle prime ore dell’alba.

Articolo pubblicato il 11 agosto 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus