Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Giorgianni in continuità con Bosco: "Avremo 2 mld, la città cambierà"
di Melania Tanteri

Il neo assessore ai Lavori pubblici: “Fondi destinati a interventi strutturali”

Tags: Catania, Michele Giorgianni, Luigi Bosco, Enzo Bianco



CATANIA - La parola d’ordine è proseguire nel lavoro portato avanti dal suo predecessore. L’avvocato Michele Giorgianni, da poco nominato assessore ai Lavori pubblici, Infrastrutture, Grandi opere, Servizi cimiteriali e Spiagge, intende continuare quanto avviato da Luigi Bosco, membro della Giunta Bianco sin dall’inizio e, recentemente, chiamato a guidare l’assessorato regionale alle Infrastrutture del governo Crocetta.

“La mia priorità - afferma il neo delegato del primo cittadino, tecnico in quota Catania futura - è semplicemente continuare il grande lavoro che è stato fatto in questi anni da un grande assessore come Luigi Bosco, sapendo che lui è un tecnico di grande importanza e io sono l’ultimo arrivato”.

Per il resto, Michele Giorgianni, “un professionista serio e competente, una figura di alto profilo” lo ha definito il sindaco Enzo Bianco in occasione della nomina, ha già in mente cosa fare. L’avvocato, che nel recente passato ha guidato da presidente la Catania Multiservizi, è certo di poter contare sui fondi, tanti, messi a disposizione dal Governo con il Patto per Catania: milioni di euro per i quali è già al lavoro una cabina di regia studiata appositamente, per elaborare i progetti da finanziare.

“Sono cosciente del fatto che un assessorato non è un’azienda partecipata ma anche del fatto che, in questi anni - prosegue - è stato fatto un grande lavoro, quanto meno per il reperimento delle risorse. Catania sarà destinataria di tanti fondi che potrebbero davvero cambiare la città, non con interventi spot ma strutturali, che interesseranno l’intera comunità. Un lavoro che deve essere di lungo respiro. Avremo due miliardi di euro di lavori che se gestiti bene e se fatti in modo giusto - precisa - potranno portare nel giro di alcuni anni, al cambiamento radicale della città”.

Insieme all’ordinario, non certo semplice da portare avanti, considerato soprattutto il poco tempo a disposizione. “Sono pronto a non lesinare energie per svolgere la delicata attività di assessore”. Giorgianni interviene in particolare su un’opera che sta interessando tutta la città e che, in un quartiere o in un altro, sta causando una serie di problemi e di lamentele, di cui si è fatto portavoce anche il Consiglio comunale: la posa della fibra ottica. “Il mio compito - conclude - è monitorare quello che è stato fatto e quello che si sta facendo: da domani, visiterò i cantieri per verificare lo stato reale dei lavori”.

Articolo pubblicato il 17 agosto 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus