Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Innovazione, 28 mln di euro per le imprese
di Rosario Battiato

Sostegno destinato ai processi di modernizzazione sul piano tecnologico, strategico, organizzativo e commerciale. Al bando hanno partecipato 472 aziende. Chiesti 33,7 mln €, quasi 6 in più rispetto alla dotazione

Tags: Innovazione, Sicilia



PALERMO – Le imprese siciliane hanno fame di innovazione e la Regione vuole evitare il penoso inutilizzo delle disponibilità di investimento messe a disposizione dai fondi comunitari. Nella giusta direzione si registrano i risultati relativi all’avviso pubblico approvato con ddg n.1350 del 14 giugno scorso e legato all’Azione 1.1.2. “Sostegno per l’acquisto di servizi per l’innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale delle imprese” del PO Fesr 2014/2020, che ha visto la partecipazione di 472 imprese, come riporta l’elenco pubblicato sul sito del dipartimento delle Attività produttive, per 33,7 milioni di euro, a fronte di una dotazione complessiva di circa 28 milioni di euro.

Si resta in attesa del quadro definitivo, in quanto l’elenco pubblicato ha carattere “meramente informativo” avvertono dall’Assessorato, perché “l’estrazione dei dati definitivi è demandata a Sicilia Digitale (gestore del sito http://portaleagevolazioni.regione.sicilia.it, ndr)”. La differenza tra dotazione e richiesta non dovrebbe rappresentare un problema particolarmente serio, perché l’assessore Lo Bello è convinta di poterla gestire come overbooking. Il portale opencoesione.it spiega, infatti, che “per alcuni Programmi il valore dei pagamenti rendicontabili a essi attribuiti può superare il valore della loro dotazione effettiva (per la pratica nota come overbooking infatti un Programma può temporaneamente includere progetti per un valore superiore a quello della sua dotazione)”.

Nell’elenco figurano complessivamente 472 imprese che operano nei settori più disparati. Dalla ristorazione alla produzione di pasta passando per i caseifici e il settore hi tech. Non mancano le cantine e anche istituti di vigilanza e imprese agricole. Il contributo massimo, come previsto nell’avviso, non supera i 100 mila euro. Il minimo oscilla intorno ai 5 mila euro.

Per la Regione si tratta di un successo dovuto a procedure più snelle e trasparenti, come ha dichiarato l’assessore Lo Bello, che hanno offerto tutti gli strumenti possibili alle aziende. Il primo passo si era compiuto nell’agosto dello scorso anno, quando venne attivata la procedura di valutazione per le imprese da collocare all’interno del catalogo di competenze e al servizio dell’innovazione tecnologica, strategica, organizzativa, e commerciale.

Andando in dettaglio, il contributo massimo del finanziamento, pari a 100 mila euro, può coprire soltanto il 50% dei costi ammissibile, mentre può arrivare fino alla cifra completa soltanto per i servizi di consulenza e sostegno all’innovazione. La proposta progettuale deve contenere un cronoprogramma dettagliato e la presentazione delle varie fasi del progetto di investimento, senza che esista una soglia massima.

L’iniziativa si associa, sempre nell’ambito del Po Fesr, ad altre azioni. Un decreto del direttore generale (n.1349 del 14 giugno 2017, modificato l’8 agosto) ha fissato le agevolazioni per la realizzazione di progetti di investimentio per il “sostegno e l’avanzamento tecnologico delle imprese attraverso il finanziamento di linee pilota e di azioni di validazione precoce dei prodotti e di dimostrazione su larga scala”. La dotazione finanziaria complessiva, che copre il periodo che va dal 2017 al 2021, è di circa 56 milioni di euro. In campo ci sono anche le risorse relative al “sostegno alla valorizzazione economica dell’innovazione attraverso la sperimentazione e l’adozione di soluzioni innovative nei processi, nei prodotti e nelle formule organizzative, nonché attraverso il finanziamento dell’industrializzazione dei risultati della ricerca” che valgono altri 56 milioni di euro (2017-2021), così come precisato nel D.D.G. n. 1348 del 14/06/2017, modificato ad agosto.

Articolo pubblicato il 24 agosto 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐