Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Catania - Musei, bene l'estate e nel futuro c'è l'Egizio
di Massimo Mirabella

L’assessore Licandro fa il punto: “Museo egizio? Stiamo andando avanti”

Tags: Musei, Catania, Orazio Licandro



CATANIA - Ancora un’estate in crescendo per Catania dal punto di vista della cultura e del turismo per cui “c’è stata una presenza straordinaria”, afferma l’assessore ai Saperi e alla Bellezza condivisa Orazio Licandro. “Anche per ragioni internazionali a cui in questi anni si è lavorato, è diventata una meta significativa. Altrimenti non si giustificherebbe questa presenza rispetto al turismo che c’era sempre stato”.

L’assessore si dice soddisfatto della crescita culturale della città “perché si è messo in moto e risvegliato tanto frutto di tante iniziative pubbliche e private”. Il riferimento è a tante piccole iniziative che hanno messo insieme “un’offerta culturale ampia e variegata”, riuscendo a fare spettacoli e appuntamenti che sappiano coniugare i gusti e le aspettative di un pubblico eterogeneo e che presto dovrebbero arricchirsi del tanto annunciato Museo egizio. “Sono tante le migliorie che si potrebbero fare, si può sempre migliorare insomma, però - aggiunge Licandro - quel cono d’ombra in cui la città era finita mi pare che non ci sia più”.

L’esponente della Giunta Bianco si dice soddisfatto dell’iniziativa in collaborazione con la Regione e il Teatro massimo “Bellini” per la riapertura agli spettacoli del teatro romano antico. “Il cartellone - sostiene - è iniziato a giugno e ancora prosegue con manifestazioni di altissimo livello”. Per quanto riguarda lo sforzo economico compiuto dall’Amministrazione in questo campo è difficile da quantificare perché i bandi e gli impegni sono tanti ed eterogenei. Inoltre, il contributo non è solo in termini economici, ma anche di forze e servizi e ci sarebbe anche un ritorno economico dallo sbigliettamento per le casse comunali.

“In questi anni abbiamo messo a punto un meccanismo che soddisfa tutti e che ci sta permettendo di crescere bene, per cui ognuno contribuisce con liquidità, ma soprattutto con servizi alla programmazione. Ai privati - continua - che hanno fatto delle proposte per le manifestazioni a Palazzo della Cultura o castello Ursino ad esempio l’Amministrazione ha dato un contributo per le spese vive a seconda dello spettacolo e della location e poi c’è lo sbigliettamento. Di questo una parte va al Comune”.

Parte della crescita culturale della città inoltre va alla possibilità di visitare i musei, prima spesso chiusi. “Da quando abbiamo rimodulato gli orari - spiega Licandro - è sempre meglio. Siamo stati aperti a Ferragosto e siamo aperti sette giorni su sette registrando in estate circa 70 mila ingressi a musei e mostre comunali, i soli su cui l’Amministrazione ha giurisdizione. Sarebbe illegittimo ad esempio che il personale comunale vada a gestire il teatro antico che è di responsabilità regionale”.

Musei che tra la fine dell’anno e l’inizio del 2018 dovrebbero arricchirsi di un tassello importante: il Museo egizio. “Stiamo andando avanti e ci sono state già le prime gare per gli incarichi di allestimento. Stiamo lavorando con una delle eccellenze internazionali, ovvero il Museo egizio di Torino, per cui io sono assolutamente certo che nascerà una grande esposizione in una location bellissima e restaurata molto bene. Insomma, ci sono - conclude - tutti i numeri per fare una cosa di altissimo livello”.

Articolo pubblicato il 01 settembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus