Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Elezioni, tensioni tra ex alleati. Centrosinistra sempre più diviso
di Valeria Arena

Micari, candidato Pd, a Palermo con De Vincenti: “Continuità con governo nazionale”. Intanto Fava (Si-Mdp) critica le dichiarazioni del ministro per il Mezzogiorno

Tags: Elezioni, Sicilia, Giancarlo Cancelleri, Fabrizio Micari, Claudio Fava



PALERMO - Mentre il Movimento cinquestelle si trova a fronteggiare una situazione inedita, con la decisione del Tribunale di Palermo di dichiarare non valide le Regionarie che hanno incoronato Giancarlo Cancelleri candidato alla Presidenza, il restante panorama politico siciliano continua a portare avanti la propria campagna, nella speranza di un passo falso del Movimento di Beppe Grillo.

Fabrizio Micari, candidato del Pd, ha affiancato il ministro per il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, a Palermo, dove ha parlato delle potenzialità del Sud e della Sicilia: “Riconosco - ha detto Micari - l’importanza e la continuità dell’impegno del governo nazionale nei confronti del Sud e della Sicilia in particolare. Questa è una conferma, per noi fondamentale, per una terra che ha grandi opportunità”.

“Questa - ha aggiunto - è una terra che ha dei settori che possono essere fortemente trainanti per la crescita come il turismo o il settore agroalimentare, naturalmente si reggono se c’è una rete infrastrutturale solida e ben funzionante”.
“Il supporto del Governo nazionale - ha concluso - è fondamentale per un’adeguata e forte progettualità”.

Sul fronte opposto del Centrosinistra c’è però Claudio Fava, candidato di Sinistra italiana e Mdp, che proprio ieri ha attaccato attravero un tweet il ministro, in visita nell’Isola: “La Sicilia in crescita di cui parla il ministro De Vincenti non è quella che raccontano i dati Istat, con 7.000 posti di lavoro perduti”.

Contemporanemante sia Piera Maria Loiacono che Vittorio Sgarbi, entrambi candidati alla Regione, hanno reso noto i primi nomi della squadra di governo. La prima ha scelto due donne, si tratta di Marzia Casiraghi, dirigente socialista, impegnata in campo nazionale per l’Associazionismo e attuale responsabile Nazionale delle donne socialiste, che ricoprirà la carica di vicepresidente con delega al Welfare, alla Famiglia e ai Servizi sociali, e di Nuccia Burgaretta, siracusana, dj, editore di Radio Arte Portopalo, “Donna Sicilia” per la bellezza nel 2016, che si occuperà di Sport, Turismo e Spettacolo (indicazioni che si aggiungono a quelle di Angelo Longo, Luigi Maltese, Giovanni Cavallo, William Tumminelli, Sergio Incerrano e Pietro Roccaro).

Sgarbi, invece ha scelto il cantante Morgan, Bruno Contrada, Piero Chiambretti, Paolo Becchi e Ferdinando Imposimato. “Nella mia squadra vorrei anche Vladimir Luxuria - ha dichirato il critico d’arte - la Sicilia deve diventare meta del turismo gay. Alle Pari opportunità, metto un maschio”.
“Resto candidato al 100% - ha aggiunto - Berlusconi mi voleva assessore alla Cultura. Chiunque vinca tratterà con me per la maggioranza. Punto al 15 per cento”.

Articolo pubblicato il 14 settembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus