Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Elezioni in Sicilia, caos M5s. A destra ultimatum Fi
di Raffaella Pessina

Ricorso Giulivi: il giudice del Tribunale di Pa si è riservato la decisione nel merito. Micciché: “Voto in Sicilia deadline per chi vuol tornare”

Tags: Elezioni, Sicilia, Gianfranco Miccichè, Vincenzo Figuccia



PALERMO - La campagna elettorale per il rinnovo di Palazzo dei Normanni che avverrà entro la fine di quest’anno è segnata soprattutto da polemiche, divisioni interne ai partiti, cambi di casacca all’ultimo momento. Nel mirino ci sono i Cinquestelle, complice anche la situazione politica nazionale in fermento per le prossime consultazioni che vedono anche a Roma il Movimento Cinquestelle fare la parte del leone.

Sulla vicenda della candidatura di Cancelleri a Governatore della Sicilia si è espresso l’avvocato Lorenzo Borrè, al termine dell’udienza di ieri mattina al Tribunale di Palermo sul ricorso presentato dal suo cliente e attivista del M5s Mauro Giulivi contro le ‘Regionarie’, da cui era stato escluso per la mancata presentazione di un documento. Il giudice si è riservato la decisione nel merito. “L’incontro di oggi ha riguardato esclusivamente la sussistenza o meno dei tempi per indire nuovamente la consultazione e raccogliere le firme per la presentazione delle liste. Non si è più discusso della fondatezza dell’esclusione di Giulivi anche perché, durante l’udienza, abbiamo depositato un’intervista, resa dal sindaco di Torino Chiara Appendino nel marzo 2017, dalla quale si evince che né lei, né i consiglieri torinesi avevano sottoscritto il Codice etico. Documento del quale a Giulivi è stata contestata la mancata sottoscrizione e da cui, poi, è scaturito il procedimento disciplinare e l’esclusione dalle regionarie. Secondo noi – ha aggiunto l’avvocato -  c’è ancora tempo per ripeterle”.

La validità della consultazione, che a luglio ha indicato in Giancarlo Cancelleri il candidato presidente, erano stati sospesi nei giorni scorsi. L’avvocato ha anche specificato di aver limitato la richiesta della sospensione delle primarie per la scelta dei consiglieri regionali della sola provincia di Palermo. Intanto si definiscono le alleanze nel Centrodestra. Questa mattina si riunisce a Palermo l’esecutivo regionale di Unione Cristiana per definire le liste elettorali. Nel programma elettorale vi sono finanziamenti alle piccole e medie imprese e alle famiglie disagiate, incentivi per i settori agricolo, turismo, e lavoro per i giovani. Programmi anche per gli anziani e incentivi ai media locali affinché garantiscano una informazione libera. Ieri si è riunita la segreteria regionale di Scelta Civica e il commissario regionale di Forza Italia, Gianfranco Micciché, alla presenza dei senatori D’Ali e Scoma. Scelta Civica (rappresentata dal segretario regionale, Settimo Minnella, e dal suo vice, Michele Giacalone) sosterrà - si legge in una nota - Nello Musumeci e presenterà propri candidati nelle liste di Forza Italia.

Per un deputato regionale (Vincenzo Figuccia ) che se ne va, ce n’è un altro che arriva. Si tratta di Nino Germanà
, che ha ufficializzato ieri mattina il suo passaggio da Ap a Forza Italia nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Palazzo dei Normanni, nella sala stampa. “Ho deciso di rendere noto solo adesso il rientro nella mia famiglia politica di origine, come amo definirla; dal mese di maggio ho tentato di far riavvicinare il partito di Angelino Alfano a Gianfranco Miccichè, col quale ho sempre avuto un rapporto personale straordinario. Purtroppo non siamo riusciti a trovare un’intesa politica, perché il cosiddetto Ncd Nuovo Centro Destra nel tempo si è appiattito sempre di più nei confronti della Sinistra, fino ad avallare oggi la candidatura di Fabrizio Micari. Alternativa Popolare non è più la terza gamba della destra, come doveva essere, ma è diventata la “stampella” della sinistra”.
 
Presente il commissario di Forza Italia in Sicilia Gianfranco Miccichè che ha segnato i termini per le alleanze: “Il voto in Sicilia è la deadline per chi vuol tornare con noi, chi non ci ha seguito oggi e non ci darà una mano nella campagna elettorale non avrà la possibilità di aderire a Fi”. Miccichè parlando dei leader di Ap e Centristi per l’Europa ha detto: “Ritengo che i partiti di Alfano e D’Alia abbiano commesso un errore a non allearsi con coi, a prescindere dagli accordi nazionali. Dubito che Renzi manterrà la promessa che ha assunto con Alfano, pazienza”. Miccichè ha concluso dicendo che “Rosario Crocetta e Giovanni Ardizzone sono stati i peggiori presidenti di Regione e dell’Assemblea della storia della Sicilia”.

Infine l’attuale governatore della Sicilia Rosario Crocetta
, che si ripresenta come governatore alle prossime elezioni informa che “La Corte dei conti di Roma ha respinto l’impugnativa del consuntivo 2016 che era stata richiesta dal procuratore generale di Palermo Pino Zingale”. Crocetta ha detto che questa è “La prova certa della verità dei nostri conti. Abbiamo salvato i conti della Sicilia, abbiamo trovato una Regione ai limiti del dissesto e consegniamo al nuovo governo un bilancio in attivo, 1.500 opere programmate in Sicilia per gli investimenti, una programmazione europea avviata, un accordo con lo Stato che si traduce in 2 miliardi di euro in più ogni anno per il nostro bilancio.

Articolo pubblicato il 19 settembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus