Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Rifiuti, improvvisazione a oltranza. Crocetta firma l'ennesimo rinvio
di Rosario Battiato

L’ordinanza del presidente proroga fino al 30 novembre la speciale forma di gestione della spazzatura. Altro tempo ai commissari per concludere il passaggio dai vecchi Ato alle Srr

Tags: Rifiuti, Sicilia, Rosario Crocetta



PALERMO – Il governatore Crocetta ha firmato l'ordinanza n.9/Rif del 15 settembre che prolunga per altri due mesi, dal 15 settembre e fino al 30 novembre, la speciale forma di gestione dei rifiuti nel territorio della Regione siciliana. Una necessità dovuta al mantenimento dei servizi nella delicata fase di passaggio dal vecchio regime degli Ato al nuovo delle società per la regolamentazione del servizio di gestione dei rifiuti (Srr). Per i commissari straordinari ci sono impegni da far rispettare in tempi brevi: dall'affidamento del servizio al transito del personale.

L'ordinanza del presidente Crocetta conferma l'improvvisazione di questi cinque anni di governo nel settore dei rifiuti in un percorso che ha sempre privilegiato il contenimento delle emergenze alla programmazione di un ciclo moderno ed efficace.  

In questo quadro d'insieme si inserisce l'ordinanza del 15 settembre che reitera la speciale forma di gestione dei rifiuti nel territorio della Regione siciliana da sabato scorso fino al 30 novembre prossimo. L'obiettivo è sempre quello sbandierato da anni: consentire l'immediata attuazione del “modello di gestione integrata dei rifiuti di cui alla legge regionale n.9/2010, superare le inadempienze degli enti locali ai fini dell'avvio delle strutture d'ambito e preservare i territori comunali da vuoti organizzativi e gestionali del sistema dei rifiuti che determinano crisi igienico sanitarie”.

Proseguono di fatto anche i commissariamenti attivati diversi mesi fa per le Srr Messina area metropolitana, Palermo area metropolitana, Palermo ovest, Caltanissetta provincia sud, Enna provincia. I commissari avranno tempo fino al 15 ottobre prossimo per “definire la procedura di affidamento del servizio di raccolta, trasporto e spazzamento dei rifiuti”.

Ci sarà da garantire anche la continuità del servizio e l'attivazione, entro il 15 novembre, degli adempimenti “funzionali alla ricostituzione degli organi societari delle Srr”. Azioni previste anche nell'ambito del personale: nei casi in cui è stata definita la procedura di affidamento del servizio di raccolta, trasporto e spazzamento, dovranno procedere “all'immediato transito del personale operativo ed amministrativo” verso il soggetto affidatario del servizio nell'ambito di raccolta ottimale (Aro) di riferimento.

Nel caso in cui l'assunzione del personale sia già stata effettuata, allora dovranno provvedere all'immediato utilizzo e, in ultima analisi, predisporre un programma di razionalizzazione del servizio di raccolta e trasporto dei singoli territori comunali per migliorare la raccolta differenziata con particolare attenzione all'incremento della differenziata del verde pubblico e degli sfalci di potatura e delle razionalizzazione della raccolta nei mercati rionali.

Proseguimento dell'attività dei commissari fino al 30 ottobre per le Srr Ragusa provincia, Agrigento provincia e Palermo provincia est. Entro due settimane della scadenza del loro mandato, i commissari dovranno definire le procedure per il trasferimento alla Srr dell'impiantistica dedicata alla gestione dei rifiuti ad oggi in capo alla società d'ambito in liquidazione.

Tempi più ristretti per i commissari delle Srr Me Isole Eolie e Trapani provincia sud che resteranno in carica fino al 15 ottobre e che, entro il 30 settembre, dovranno attivare gli adempimenti funzionali alla ricostituzione degli organi societari delle Srr.

Articolo pubblicato il 20 settembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐