Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Differenziata, in tutta Italia cassonetti con colori e scritte uguali
di Rosario Battiato

Oggi verrà pubblicata la nuova norma dell’Ente italiano di normazione (Uni 11686). Attualmente i Comuni possono decidere autonomamente sui contenitori

Tags: Rifiuti, Raccolta Differenziata



ROMA - Niente più rifiuti al “posto” sbagliato. D’ora in poi i cassonetti della raccolta differenziata avranno forme, colori, scritte e icone uguali in tutte le città, indicando anche ai turisti dove gettare la plastica, il vetro oppure l’umido.

Sarà infatti pubblicata oggi la nuova norma dell’Ente italiano di normazione (Uni 11686) sui Waste visual elements, cioè gli elementi visivi identificativi dei contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. L’Italia, si legge in una nota, è il primo Stato europeo a dotarsi di questa norma che vuole, tra l’altro, favorire l’obiettivo Ue del 65% di raccolta differenziata e del 50% di reale avvio a recupero.

Attualmente in Italia i Comuni possono decidere autonomamente forme, colori e scritte sui contenitori per la raccolta differenziata: a Roma, ad esempio, il cassonetto verde è sinonimo di indifferenziato mentre a Milano e Napoli accoglie solo il vetro. I romani gettano vetro plastica e metallo nel cassonetto blu che a Milano non esiste mentre a Napoli accoglie l’indifferenziato. E così via.

“La Direttiva europea 2008/98/CE e le leggi vigenti - spiega Giovanni Bragadina (esperto del gruppo di lavoro Uni ‘Attrezzature e macchine per la raccolta dei rifiutì della Commissione Ambiente) - prevede l’utilizzo di adesivi e di pannelli con colori e grafiche che caratterizzano ogni tipologia di rifiuto. Una semplice riqualificazione grafica migliora l’estetica e, soprattutto, spinge a migliorare la purezza dei materiali conferiti a tutto vantaggio del reale avvio al recupero di materia”.

L’Uni è un’associazione privata senza scopo di lucro, i cui soci, oltre 4.000, sono imprese, liberi professionisti, associazioni, istituti scientifici e scolastici e realtà della Pubblica amministrazione.

Articolo pubblicato il 28 settembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐