Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Strage Las Vegas, messaggio Isis: "Nostro soldato"
di Redazione

Il cordoglio del Presidente Usa, Trump: “Un atto di puro male”. L'assassino, Stephen Paddock, secondo quanto dichiarato dalle autorità si sarebbe suicidato

Tags: Las Vegas, Donald Trump, Isis



LAS VEGAS - L’Isis ha rivendicato l’attentato di Las Vegas, affermando che Stephen Paddock era uno dei suoi “soldati” e che si era convertito all’Islam “mesi fa”.

La rivendicazione è stata diffusa attraverso Amaq, l’agenzia di stampa degli estremisti. Paddock ha ucciso 58 persone sparando sugli spettatori di un festival musicale.

Secondo il fratello, non aveva affiliazioni politiche o religiose. “Era un tipo normale. Qualcosa deve essere successo, ha perso la testa. Non c’erano assolutamente segnali che potesse fare una cosa del genere. Siamo sbalorditi”. Così il fratello Eric, intervistato dal Daily Mail.

Almeno otto fucili sono stati trovati nella stanza d’albergo usata da Stephen Paddock per sparare contro gli spettatori di un concerto di musica country.

Secondo quanto dichiarato dalle autorità, Paddock si sarebbe suicidato. “Crediamo che l’individuo si sia ucciso prima della nostra irruzione” ha dichiarato lo sceriffo Joe Lombardo, in conferenza stampa. Lo sceriffo ha poi confermato che oltre 50 persone sono morte e oltre 400 sono rimaste ferite.

Dalla Casa Bianca il cordoglio del Presidente degli Stati Uniti: “Un atto di puro male”. Poi la promessa: “Mercoledì visiterò Las Vegas per parlare con i parenti delle vittime e con le autorità”. Trump ha anche ringraziato la polizia definendo la sua reazione “miracolosa” e sostenendo che è servita a salvare persone.
 
La sparatoria di Las Vegas è la più sanguinosa in termini di numero di vittime e di feriti (almeno 50 morti e 400 feriti) compiuta negli Stati Uniti. 
 
Un telegramma di cordoglio è giunto anche da Papa Francesco: “Profondamente rattristato nell’apprendere della sparatoria a Las Vegas, Papa Francesco invia l’assicurazione della sua vicinanza spirituale a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia senza senso”. Francesco “elogia gli sforzi della polizia e del personale dei servizi di soccorso e offre le sue preghiere per i feriti e per tutti coloro che sono morti, affidandoli all’amore misericordioso di Dio onnipotente”.

Intanto, la Torre Eiffel è stata spenta ieri sera in omaggio alle vittime degli attacchi di Las Vegas e di Marsiglia. “Restiamo uniti” - ha spiegato su Twitter la sindaca di Parigi, Anne Hidalgo.

Articolo pubblicato il 03 ottobre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐