Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Strade da incubo, si attende una manutenzione generale
di Desirée Miranda

Appalto “globale” in corso. Intanto si faranno solo interventi urgenti

Tags: Catania, Strade, Viabilità, Sicurezza



CATANIA - “CPC Cons. stabile Progettisti Costruttori”, con sede a Maletto, è la ditta che si è aggiudicata il bando “Global Service di gestione per lavori di manutenzione delle strade, dei marciapiedi e delle piazze della città di Catania”. Vince proponendo un ribasso del 38,9999% sull’importo a base d’asta proposto dall’amministrazione del comune di Catania che ha emanato il bando, poi espletato dall’Urega, di circa due milioni e 400mila euro.

Dopo mesi di attesa dovrebbero finalmente partire a fine mese, come annunciato dall’assessore ai Lavori pubblici di Catania, Salvo di Salvo, i lavori per il rifacimento del manto stradale e alla colmatura delle buche in numerose zone della città come San Cristoforo, Picanello, Vulcania, San Giovanni Galermo oltre agli assi principali come via Cristoforo Colombo, parte di via Caronda e parte della Circonvallazione. È prevista anche la pulizia delle caditoie stradali nonché il rialzo a quota di quelle che al momento sono più alte o spesso più basse del manto stradale, la sistemazione di marciapiedi e sedi stradali in basolato lavico e porfido e la realizzazione di passaggi pedonali rialzati come quelli del lungomare o di via Dusmet. Anche i guard-rail e le barriere sono comprese nel bando prevedendone la sostituzione o sistemazione.

Tutti lavori che in teoria andavano fatti prima delle piogge che bloccano la città, ma se il bando è stato chiuso a luglio, la procedura burocratica ha richiesto diversi mesi. “Se non ci saranno ricorsi potremo finalmente affidare il bando in modo definitivo e iniziare presto i lavori”, afferma Di Salvo. Ma Catania è grande, direbbe qualcuno, e nonostante il bando da due milioni e 400mila euro considera buona parte delle operazioni da compiere, sono in corso altri bandi per la pulizia e l’ordine di Catania. “Sono oltre 24mila le caditoie a Catania”, dice l’assessore Di Salvo. Così, alla fine di settembre è stata annunciata una pulizia straordinaria di alcune delle caditoie cittadine. In particolare “in una settimana - fanno sapere dal Comune - è stata già sistemata manualmente dagli operai della Cooperativa Sims che lavora da anni in convenzione con il Comune dando supporto agli interventi di manutenzione, la metà di quelle della via Etnea, che sono in tutto 400”.

“Con un’attività coordinata tra Direzione Manutenzioni e Multiservizi e utilizzando uno speciale macchinario, il Canaljet che dà la possibilità di rompere le incrostazioni con un potente getto d’acqua aspirando poi i detriti, saranno ripuliti altri 2.200 tombini - aggiunge Di Salvo - procedendo monte verso valle seguendo le principali direttrici del flusso dell’acqua piovana. Parliamo per esempio delle vie Passo Gravina, Leucatia, Santa Sofia, San Giovanni Galermo, San Nullo, Del Bosco, e dei viali Vittorio Veneto e Mario Rapisardi”, dice l’assessore.

Non solo. Lo scorso 2 ottobre sul sito del Comune è apparso un avviso “per l’acquisizione di manifestazione di interesse a partecipare alla procedura negoziata per l’affidamento dei lavori di “Manutenzione delle sedi stradali e delle piazze cittadine per l’anno 2017”. L’importo a base d’asta, che verrà assegnata con il criterio del minore prezzo e secondo procedura Mepa, ovvero sun mercato digitale dove possono essere effettuate negoziazioni dirette, veloci e trasparenti per acquisti sotto la soglia comunitaria, è di 140mila euro. “In attesa del bando Global Service faremo alcuni interventi minuti urgenti come in piazza Cavour, in piazza del Carmelo a Barriera, piazza San Giovanni Battista e a largo Paisiello”, spiega Di Salvo.

Articolo pubblicato il 06 ottobre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus