Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Melograno, il migliore alleato per il benessere quotidiano
di Elio Sofia

Con i fondi erogati dalla Comunità europea il Mezzogiorno procede alla conversione colturale. Una dieta ricca di questo frutto porta svariati benefici a tutto l’organismo

Tags: Melograno



CATANIA – La coltura del melograno, negli ultimi anni, ha visto in Sicilia, come nelle altre regioni dell’Italia meridionale, una rapida ed ampia diffusione, in parte dovuta alla profonda crisi del comparto agrumicolo.

Le superfici interessate da tale conversione colturale aumentano di giorno in giorno spinte dai fondi del Psr erogati dalla Comunità Europea. Attualmente la produzione italiana non riesce a soddisfare la richiesta del mercato e gran parte dei frutti sono di provenienza estera, Spagnola, Israeliana, Turca.

“Le varietà più richieste dai consumatori sono quelle i cui frutti presentano un acceso colore rosso, dovuto ai pigmenti antocianici, destinati sia al consumo fresco, ma soprattutto all’estrazione del succo, tra le tante varietà spicca la “Wonderful, la Parfianka e la Acco” - afferma Gaetano Tirrò, agronomo e produttore catanese - altre varietà dal colore meno intenso ma dal gusto più dolce sono quelle di provenienza spagnola, come la “Mollar de Elche” e la “Mollar Valenciana”, e la siciliana per eccellenza ovvero la “Dente di Cavallo”.

“Fondamentale – prosegue il giovane agronomo - il lavoro di ricerca svolto da Alessandra Gentile del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione ed Ambiente (Di3a) dell’Università di Catania che ha effettuato la raccolta del germoplasma siciliano e ha selezionato la varietà Primosole che si caratterizza sia per il colore rosso degli arilli che per la dolcezza e succosità”.
Oggi del melograno apprezziamo le proprietà antiossidanti e la ricchezza di vitamina C, vitamina K, vitamina B, vitamina A, potassio, proteine, carboidrati e grassi. Il melograno è anche ricco di altri minerali come ferro, calcio, magnesio, fosforo, manganese e zinco.

Nel dettaglio, una dieta ricca nel consumo di melograno può portare diversi benefici:
 
1) Un cuore sano - Il succo di melograno contribuisce a mantenere il cuore in salute in quanto oltre al ridurre l’infiammazione nei vasi sanguigni ha l’importante capacità d’influenzare l’elasticità delle singole arterie. Oltre a ciò, previene anche l’arteriosclerosi, una delle principali cause di malattie per l’apparato cardiaco. Il suo succo aiuta a ridurre il rischio di “intasamento” delle arterie, diminuendo i livelli di colesterolo Ldl e aumentando il colesterolo Hdl che combatte l’obesità.
 
2) Tiene bassi i livelli di zucchero nel sangue – Pur essendo ricco di fruttosio, il succo di melograno non aumenta lo zucchero nel sangue.
Numerosi studi hanno infatti dimostrato che i diabetici sottoposti a consumo di succo di melograno per due settimane, non hanno evidenziato alcun aumento del glucosio presente nel loro sangue.
 
3) Aiuta la pressione sanguigna - Il succo di melograno previene l’infiammazione dei vasi sanguigni, riducendone la pressione. In pratica, funziona anche come se fosse un’aspirina naturale, migliorando la circolazione in tutto il corpo.
 
4) Stimola il sistema immunitario - Gli antiossidanti presenti nel suo succo, stimolano i globuli bianchi aumentandone l’efficienza.  Il succo ha anche proprietà antibatteriche e antimicrobiche, il che riduce i batteri rimasti in bocca che sono responsabili, tra l’altro, di infezioni da stafilococchi.
 
5) Combatte l’anemia - Gli alti livelli di ferro presenti nel succo di melograno aiutano il corpo a produrre più globuli rossi.
 
6) Rimedio oftalmico -  È considerato un grande rimedio lenitivo per gli occhi rossi e irritati. Basta mettere alcune gocce di succo negli occhi, per ovviare al fastidioso problema.

7) Antitumorale
- Gli antiossidanti presenti nel succo di melograno, eliminano i radicali liberi, inibendo la crescita delle cellule tumorali. Si ritiene, per di più, che il suo succo induca l’apoptosi, ovvero quella condizione nella quale le cellule tumorali si auto-distruggono.

8) Combatte i disturbi dello stomaco
- Il succo di melograno già anticamente veniva usato per trattare la diarrea e la dissenteria e questo perché aumenta la produzione di enzimi che aiutano nella digestione, pertanto per prevenire l’indigestione basta aggiungere ad un bicchiere di succo di melograno un cucchiaio di miele.

Articolo pubblicato il 19 ottobre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐