Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Diritto fallimentare, più aiuti agli imprenditori in difficoltà
di Valeria Arena

In sintesi il ddl di delega al governo per la riforma delle discipline della crisi d’impresa e dell’insolvenza. Tra le misure, la razionalizzazione dell'istituto del concordato e il Sistema Common

Tags: Fallimento, Diritto Fallimentare



PALERMO – Importanti novità in tema di fallimenti. Di recente, infatti, il Senato ha approvato definitivamente il disegno di legge di delega al governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza (diritto fallimentare), un provvedimento che finalmente conforma l’Italia a una tendenza già manifestatasi nei principali ordinamenti giuridici europei. Viene abbandonata infatti la tradizionale parola “fallimento” a favore di una più semplice procedura di liquidazione giudiziale dei beni, a cui è possibile innestare una possibile soluzione concordataria e prevedere la completa liberazione dei debiti dopo un lasso di tempo massimo, tre anni dall’apertura della procedura.

Questo perché sempre più spesso le conseguenze di un fallimento, stigmatizzazione sociale, percorso giuridico e incapacità di far fronte ai debiti, possono rappresentare un deterrente per gli imprenditori che vogliono avviare una nuova attività o avere una seconda opportunità per riscattarsi. Ma entriamo nel dettaglio del provvedimento.

Misure di sostegno per la ristrutturazione precoce delle imprese in crisi
La riforma introduce una fase preventiva e stragiudiziale affidata a un organismo pubblico, che ha l’obiettivo di analizzare le cause del malessere economico e finanziario che ha colpito l’azienda e l’imprenditore, al fine di risolvere la situazione attraverso mediazioni e trattative per il raggiungimento di un accordo con i creditori o, eventualmente, anche solo con alcuni di essi. Lo scopo, quindi, è quello di creare un luogo di incontro tra le parti contrapposte secondo una logica portata avanti e sostenuta da un unico organismo su base provinciale costituto presso la Camera di commercio professionalmente dedicato alla ricerca di una soluzione negoziata.

Giudice specializzato in procedure concorsuali
Il disegno di legge prevede che presso i tribunali delle imprese siano concentrate le misure di maggiori dimensioni e che invece la trattazione delle altre procedure sia suddivisa tra un numero ridotto di tribunali, scelti secondo parametri oggettivi.

Razionalizzazione dell’istituto del concordato preventivo

La nuova norma circoscrive l’istituto solo ai casi di “concordato in liquidità”, ovvero quando la proposta ha come scopo quello di garantire la continuità aziendale e assicurare una maggiore e migliore soddisfazione dei creditori. Questo perché, al momento, il 90% dei concordati proposti sono di natura liquidatoria e lo strumento processuale rimane comunque molto complesso e costoso.

Sistema Common

Il provvedimento prevede la costituzione di un market place unico nazionale per tutti i beni posti in vendita dalle procedure concorsuali ed esecutive. L’obiettivo è inoltre quello di rendere commerciabili tali beni non solo a fronte di denaro corrente, ma anche con appositi titoli, che incorporano un diritto speciale attribuito ai creditori delle procedure di  cui sia certificata la concreta possibilità di soddisfazione, da parte di un  organismo terzo a un valore minimo prudenziale, a fronte di una garanzia  formata dagli attivi più facilmente vendibili e di valore durevole.

Ristrutturazione più efficaci

Viene data l’opportunità di usufruire di misure che favoriscano processi decisionali più rapidi, impendendo la dittatura dei piccoli creditori. Si potrà per esempio chiedere che gli effetti dell’accordo siano estesi anche alla minoranza di creditori che non hanno aderito alla risoluzione, purché ci sia l’adesione dei titolari di crediti finanziari pari ad almeno il 75% dell’ammontare complessivo.

Misure per la crisi e l’insolvenza di gruppi di imprese

Una delle più importanti novità riguarda proprio la possibilità di consentire lo svolgimento di una procedura unitaria per la trattazione dell'insolvenza delle plurime imprese del gruppo, individuando,  laddove è possibile, un unico tribunale competente, e dando la possibilità di proporre un unico ricorso sia per l'omologazione di accordi di  ristrutturazione dei debiti dell'intero gruppo, sia per l'ammissione di  tutte le imprese del gruppo alla procedura di concordato preventivo.

Sostegno alle imprese per accesso al credito
La riforma consente forme di garanzie che non prevedono la perdita del bene concesso in garanzia e la possibilità di concedere on attuali e determinati ma determinabili e futuri, ad esempio sul contenuto del magazzino.

Controlli societari più efficaci

Prevista l’estensione del controllo giudiziale anche alle società a responsabilità limitata.

Tutela degli acquirenti degli immobili da costruzione
La nuova norma indica che tutti gli atti che hanno come effetto o finalità il  trasferimento di tali immobili siano conclusi, a pena di nullità, per  atto pubblico o scrittura privata autenticata, assicurando in tal modo il  controllo di legittimità dell'atto da parte del notaio.

Articolo pubblicato il 19 ottobre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus