Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Dalla Regione 2 milioni per teatro e musica
di Michele Giuliano

I fondi previsti, secondo il decreto dell’assessorato al Turismo, saranno suddivisi tra i vari enti con sede legale in Sicilia. Stanziamento importante che riguarda tutti i livelli, sia professionali che dilettantistici

Tags: Cultura, Teatro, Regione Siciliana



PALERMO - Investire sulla cultura, per crescere e migliorarsi, sfruttando il talento e la passione dei siciliani per creare sviluppo e ritorno economico. Sono appena stati decretati i contributi per le attività musicali e teatrali per l’anno 2017. Circa 2 milioni di euro in tutto, da distribuire a diversi enti su tutto il territorio regionale.
 
Per le attività teatrali sono stati devoluti 1.102.000 euro, distribuiti agli enti, tutti con sede legale in Sicilia, che sono stati catalogati in diverse fasce in base al numero di anni di attività già svolte e alla tipologia di messa in scena, tradizionale o rivolta alla diversità. Nella prima fascia, in cui rientrano gli enti che svolgono attività da almeno 10 anni, ne troviamo sette, tra la provincia di Catania e Palermo, e a questi vanno circa 440 mila euro. La seconda fascia, in attività da almeno 5 anni, comprende 15 enti, ai quali sono stati distribuiti 330 mila euro. Ancora, gli enti che lavorano nel campo teatrale da almeno 3 anni, per un totale di 21 nominativi, ai quali vanno poco più di 220 mila euro. Per ultime, le compagnie teatrali che svolgono attività nel campo del teatro della diversità, 8 strutture tra Messina, Catania e Palermo, che si dividono circa 95 mila euro.
 
Per quanto riguarda invece le associazioni concertistiche sono state individuate due sole fasce, sulla base della distribuzione territoriale. Per gli enti che hanno attività di interesse regionale, sei in tutto, sono stati stanziati 424 mila euro. Ventisette le associazioni concertistiche di interesse provinciale, che usufruiranno nell’insieme di 280 mila euro. A seguire, quelle di interesse locale, dieci in tutto, per i quali sono stati stanziati 50 mila euro. Uno stanziamento totale importante, che va a contribuire alle necessità dei diversi enti in maniera capillare, intervenendo a tutti i livelli, sia professionali che dilettantistici, per stimolare e mantenere viva la voglia e la passione di molti che si dedicano a queste attività nel tempo libero.
 
La legislazione che riguarda le contribuzioni a questo tipo di attività è abbastanza recente, e risale in primis al 1985 e poi al 2007. Per queste materie, infatti, lo Stato italiano ha decentrato integralmente, anche alle regioni a statuto ordinario, tutte le competenze. Anzi, le Regioni concorrono all’elaborazione e alla attuazione della politica nazionale e comunitaria in materia di spettacolo nonché alla definizione dei criteri per la ripartizione delle risorse. La Regione ha in argomento affermato il rilevante interesse culturale e sociale delle attività musicali, di genere sinfonico, lirico, cameristico, jazz, popolare e corale.
 
Da qui la decisione di “spingere” alla diffusione, fuori dai soliti canali prediletti dagli addetti ai lavori o dagli appassionati, più capillare del fenomeno scenico e musicale, con l’obiettivo, tra gli altri, di piazzare, commercialmente parlando, i propri prodotti migliori sul mercato almeno italiano, sfruttando le riprese e i diritti connessi e traendone vantaggi sia economici, sia di immagine, con ulteriore ritorno in termini anche di presenze turistiche. Accanto a tali eventi di grande richiamo, non solo culturale, si sta cercando di stimolare i giovani (almeno professionalmente parlando) attori, musicisti, scenografi, coreografi, puntando sulle piccole realtà. Appare chiaro che strutture teatrali da 200-400 posti non possono sostenere i costi dei grandi artisti, ma certamente costituiscono trampolini di lancio idonei per i talenti locali.

Articolo pubblicato il 16 novembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐