Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Guida Michelin, 14 i ristoranti in Sicilia
di Redazione

 Declassati in Italia Carlo Cracco e Claudio Sadler, mentre l'Isola conferma il posizionamento dei suoi locali a una e due stelle

Tags: Cracco, Sadler, Guida Michelin, Italia, Ristoranti, Sicilia, Tre Stelle, Due Stelle, Una Stella, Gastronomia



Se il grande chef Cracco perde una stella, la Sicilia ne mantiene invece 14, tanti sono i ristoranti stellati nell'Isola, secondo la celebre guida Michelin Italia 2018, giunta alla sua 63esima edizione. Non ci sono new entry: piuttosto, conferme dei risultati conquistati nella precedente edizione.

DUE STELLE - Sono quattro i ristoranti ad avere raggiunto le due ''stelle'', assegnate dalla ''rossa'' piu' celebre: La Madia di Licata (Ag), il Principe di Cerami a Taormina (Me), il Duomo e la Locanda di Don Serafino a Ragusa.
 
UNA STELLA - I ristoranti premiati, invece, con una ''stella'' sono dieci: il Coria di Caltagirone (Ct), Shalai a Linguaglossa (Ct), Signum a Salina (Me), il Cappero a Vulcano (Me), la Capinera a Taormina (Me), i Pupi a Bagheria (Pa), il Bye Bye Blues a Palermo, il Bavaglino a Terrasini (Pa), Accursio a Modica (Rg) e la Fenice a Ragusa.
 
IN ITALIA - Nella nuova Guida, troviamo un nuovo tre stelle, tre nuovi ristoranti a due stelle e ben 22 nuove stelle Michelin. La pubblicazione è stata presentata proprio oggi al teatro Regio di Parma. Con le sue 26 nuove stelle assegnate, l'Italia si conferma il secondo paese più premiato dopo la Francia. Il nuovo ristorante a tre stelle è quello di Norbert Niederkofler, il St.Hubertus del Rosa Alpina a San Cassiano, Bolzano. Perdono la stella invece i due grandi chef italiani, Cracco e Sadler.

Articolo pubblicato il 16 novembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus