Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Basta con i cambiacasacche all'Ars: seguiamo l'esempio del Senato
di Redazione

In Senato nuove regole per contenere la nascita di nuovi gruppi parlamentari. La nostra Ars solo nel 2016 ha speso 7 mln € per i suoi gruppi: ben 12, dovuti ai balletti dei politici

Tags: Senato, Pietro Grasso, Presidente, Ars, Gruppo, Gruppi, Gruppi Parlamentari, Sicilia, Parlamento



PALERMO - Il nuovo regolamento del Senato, portato avanti dal presidente Pietro Grasso, è una strigliata a trasformisti e cambiacascche, ovvero quei (tanti) parlamentari che lasciano il gruppo nel quale sono stati eletti e ne creano di nuovi, spezzettando l'assetto della camera alla quale appartengono.
 
Le nuove regole, che hanno ottenuto il via libera della Giunta e si apprestano ad andare in Aula per l'approvazione, renderanno molto più difficoltosa, infatti, la costituzione di nuovi gruppi parlamentari, riducendo di conseguenza i costi aggiuntivi finora sopportati dal Parlamento. 
 
Cosa accadrebbe applicando gli stessi criteri all'Assemblea regionale siciliana? Il contenimento dei costi sarebbe certo: in Sicilia, infatti, in conseguenza dei continui valzer politici in partiti e partitini, la geografia dell'Ars durante la XVI legislatura, appena conclusa, si è modificata spesso e ben 40 deputati hanno cambiato gruppo parlamentare, con 12 gruppi costituiti, per un costo solo nel 2016 di 7 milioni di euro, mentre nella XIV legislatura i gruppi erano 7.
 
Il quadro completo della situazione siciliana lo troverete domani nel servizio sul Quotidiano di Sicilia
 
 

Articolo pubblicato il 16 novembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus