Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Nuovi autobus, disponibili 76 mln di euro
di Rosario Battiato

In scadenza oggi l’avviso per cofinanziare l’acquisto riservato alle aziende esercenti il trasporto pubblico locale e regionale. Occasione importante per la Sicilia: l’età media dei mezzi isolani supera di circa tre anni il dato nazionale

Tags: Autobus, Finanziamento



PALERMO – Ci sono poco meno di 80 milioni di euro di cofinanziamento per l’acquisto di nuovi autobus per le aziende esercenti il trasporto pubblico locale e regionale dell’Isola. Tra gli obiettivi dell’avviso regionale, che scade proprio oggi, il miglioramento del rapporto tra posto/km prodotti e passeggeri trasportati, le condizioni di vetustà e la classe di inquinamento degli attuali parchi veicolari. In Sicilia, infatti, l’età media dei mezzi è superiore a quella media nazionale e ancora più distante da quella comunitaria.

Ci sono vincoli precisi per la partecipazione alla selezione: le aziende interessate, infatti, dovranno avere effettuato nel biennio 2015/2016, con riferimento alle tipologia di veicoli (urbano o extraurbano) per cui si intende concorrere, un “valore medio annuo di posti-km per servizio di linea pari ad almeno 4.000.000 per la selezione relativa ai bus urbani e pari ad almeno 2.400.000 per la selezione relativa ai bus extraurbani”.
 
L’assegnazione di 76,3 milioni dei finanziamenti destinati all’acquisto di nuovi mezzi è considerata a valere sulle risorse disponibili per effetto dei D.M. n. 345 del 28.10.2016, e D.M. n. 25 del 23.1.2017. I due provvedimenti distribuiscono le risorse su dieci diversi lotti che andranno a ricadere sui fondi del periodo 2015/2019. I primi due, relativi al riporto del 2015, riguardano autobus di tipo urbano (cofinanziamento da 36,4 milioni di euro) ed extraurbano (16,7 milioni), mentre per l’anno successivo, mantenendo la stessa tipologia di mezzo, ci sono 7,3 e 3,2 milioni di euro. Il cofinanziamento si abbassa ulteriormente nel 2017, quando per autobus urbano ed extraurbano sono stati messi a disposizione rispettivamente 2,9 e 1,2 milioni di euro. Per gli ultimi quattro lotti, relativi ai fondi per il 2018 e il 2019, a disposizione ci sono le medesime cifre.
 
L’acquisito di nuovi autobus è vincolato alla sostituzione, mediante rottamazione, degli “autobus di tipo urbano ed extraurbano di uguale tipologia (è consentita esclusivamente la variazione della classe di lunghezza limitatamente alla classe immediatamente inferiore o superiore rispetto a quella del bus da sostituire) in esercizio nel territorio della regione Siciliana da oltre 12 anni alla data del 01/01/2015, aventi motorizzazione Euro zero, Euro1 o Euro2”.
 
Per la Sicilia e i siciliani potrebbe rappresentare un’occasione importante per migliorare un’età media dei bus, e quindi anche la loro classe emissiva, che allo stato dei fatti supera abbondantemente la media degli oltre 40mila bus italiani di trasporto pubblico, stimata in circa 12 anni. L’Asstra (associazione nazionale del trasporto pubblico locale) ha infatti calcolato che l’età media dei bus isolani è pari a 14,92 anni, quasi tre anni in più della media nazionale e oltre il doppio di quella europea. Soltanto due regioni fanno peggio della Sicilia a livello nazionale: la Basilicata che si avvicina ai 16 anni e la Campania che supera i 15.
 
Tutti i dettagli, in attesa della chiusura dell’avviso e dell’atto successivo che prevede la nomina della Commissione di valutazione delle istanze pervenute ai sensi della procedura, si trovano sul ddg n.2394 del dipartimento delle Infrastrutture, della mobilità e dei trasporti.

Articolo pubblicato il 17 novembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐