Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Tondo Gioeni, il punto sui lavori mentre torna lo spettro del Ponte
di Desirée Miranda

L’assessore Giorgianni: “A giorni affideremo la gara per via Castorina"

Tags: Catania, Tondo Gioeni, Enzo Bianco, Michele Giorgianni



CATANIA - “La gara per via Giuffrida Castorina è in fase di completamento, c’è un soccorso istruttorio in corso e a giorni potremo affidare la gara”. Parla così l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Catania, Michele Giorgianni a cui abbiamo chiesto un aggiornamento in merito ai lavori che interessano la zona del Tondo Gioeni.
 
Gli interventi di cui parla riguardano il nuovo passaggio da via Castorina che dovrebbe permettere alla auto provenienti da via Etnea di evitare il tondo Gioeni per arrivare alla circonvallazione. Una prima fase è stata completata, ma solo con il nuovo bando si potrà procedere all’apertura dell’arteria perché grazie a questo si procederà “con la messa in sicurezza dell’illuminazione, del marciapiede e del verde complementare oltre alla segnaletica verticale e orizzontale”, spiega Giorgianni.
 
Un bando da circa 300 mila euro che, una volta completato, dovrebbe portare a un cambio nella viabilità, oggi paralizzata in questa zona, sopratutto nelle ore di punta. Avanzano comunque anche i lavori al vecchio tondo Gioeni in questi giorni al centro di un polemica a mezzo stampa. Una polemica che l’assessore Giogianni affronta definendo la questione ponte sì o ponte no “una grandissima patata bollente”.
 
“Tutti gli enti preposti che si sono interessati al Tondo avevano difficoltà a individuare una soluzione che riuscisse a risolvere tutti i problemi. - afferma - La Giunta Bianco si è trovata con una gara già appaltata, un ponte non a norma e un piano già fatto, ma sospeso in attesa di ulteriori decisioni della Giunta Stancanelli che non sono mai state prese. Oggettivamente era una scelta difficile ed è chiaro che se non succede nulla va bene, ma se succede qualche cosa qualcuno ne deve rispondere”, aggiunge Giorgianni.
Al di là della laicità o meno dell’abbattimento del ponte, comunque, oggi non c’è più “e dobbiamo pensare al dopo ponte per capire come sbloccare la situazione. Da una parte dando servizi pubblici ed efficienti che consentano alla gente di non scendere dalla città metropolitana in macchina, dall’altra con lavori di snellimento come via Giuffrida Castorina”, dichiara ancora l’assessore.
 
Per quanto riguarda i lavori del cosiddetto muro del tondo Gioeni, l’assessore ha controllato di recente. “Ho fatto un sopralluogo mercoledì e i lavori idraulici sono quasi stati completati. Tra poco quindi inizieranno i lavori per trasformare il muro e il relativo verde”, dichiara l’assessore ai lavori pubblici.
 
Giorgianni non si sbilancia sulla durata dell’intervento “credo che ce la faremo nei primi mesi del 2018”, afferma, ma tiene a precisare che “non sono un tecnico e non posso capire se per il calcestruzzo servono 15 o 20 giorni, né – aggiunge – voglio puntare una pistola metaforica perché vengano consegnati i lavori. La cosa più importante è che le cose vengano fatte bene”, dice.
L’assessore inoltre spiega che i due progetti per la zona sono sì legati, ma non a stretto giro. “Sto mettendo un po’ di fretta per il completamento di via Castorina Giuffrida perché ritengo che, per quanto non risolvi, aiuti il problema della viabilità su Catania”, afferma. Dall’altra parte, sul Tondo, “la fontana abbellirà e probabilmente diventerà una bellissima porta di Catania”. Ma chiaramente, conclude, “sul problema urgente di viabilità che ha la città, a mio avviso, non influirà granché”.

Articolo pubblicato il 01 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus