Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sgarbi e la sua assenza: "La polemica è solo giornalistica"
di Redazione

Il nuovo assessore non c'era alla prima riunione della giunta Musumeci, ma lui ha rassicurato: "Ho una struttura di vita complicata" 

Tags: Sgarbi, Regione, Assessore, Musumeci, Giunta



PALERMO - "E' una polemica tutta giornalistica". Cosi' Vittorio Sgarbi, neo assessore regionale ai Beni Culturali in Sicilia, ha risposto a margine di un convegno a Palazzo Pirelli ai cronisti che gli hanno chiesto della sua assenza, ieri, alla prima riunione della giunta Musumeci.
 
Sgarbi ha assicurato che tra lui e il governatore siciliano "non c'e' polemica. Da parte sua c'è grande considerazione dell'importanza di avermi tra i suoi assessori. Mi sembra una persona rigorosa e precisa, tale da non poter avere colpi di testa o fare imboscate o agguati".
 
"Io - ha poi ammesso Sgarbi - ho una struttura di vita complicata, e mi pare che in Sicilia lo abbiano messo in conto, ma cercherò di essere il più presente possibile". Alla domanda se pensa a un futuro da ministro in un ipotetico governo di centrodestra, il critico d'arte ha risposto: "Il mio Movimento è nato non per la Sicilia ma per l'Italia. Presenteremo le liste di 'Rinascimento' in tutta Italia, abbiamo avuto il placet sia di Berlusconi sia di Salvini, quindi siamo area di governo a questo punto. Questo vorrebbe dire che una volta vinte le elezioni politiche io potrei andare a fare il ministro, il che mi impone di dimettermi" da assessore regionale.
 
"Musumeci conosce benissimo questa ipotesi" ha poi sottolineato Sgarbi, precisando che se dovesse sfumare l'"opportunita'" di diventare ministro "resterò in Sicilia, non mi interessa fare il deputato".

Articolo pubblicato il 01 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus