Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Rifiuti, tutte le emergenze della Sicilia
di Redazione

I sindacati chiedono incontro urgente al nuovo assessore Rifiuti. Sul tavolo la necessità di aprire nuovi impianti, il funzionamento della burocrazia e la tutela dei lavoratori 

Tags: Rifiuti, Sindacati, Governo, Regione, Emergenza, Figuccia



PALERMO - "Valutiamo positivamente l'attenzione immediata del nuovo governo regionale sull'emergenza rifiuti: ma sia chiaro che un nuovo percorso virtuoso non può non mettere al centro unitamente alla creazione degli impianti e alla efficienza della macchina burocratica, la tutela dei lavoratori. Abbiamo già chiesto un incontro immediato al neo assessore Figuccia". Ad affermarlo, intervenendo sull'emergenza rifiuti, sono i segretari di Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel, rispettivamente Alfonso Buscemi, Dionisio Giordano, Pietro Caleca e Giuseppe Badagliacca che elencano poi alcune delle principali vertenze ancora aperte: "Dai lavoratori ex Coinres nel palermitano, ingiustamente licenziati, nonostante il diritto sancito dalla legge regionale 9 di riprendere servizio, agli addetti di Ennaeuno senza retribuzione da 18 mesi, e come se non bastasse per un centinaio di loro, anche la mortificazione di una disposizione con la quale si invitano a restare a casa per via dello sfratto dei locali aziendali, tutto nel piu' totale disinteresse delle istituzioni locali tutte".
 
"Nel trapanese - aggiungono i sindacati - i 15 lavoratori della raccolta dei rifiuti ingombranti risultano ancora licenziati, nonostante il loro diritto a riprendere servizio sia stato sancito pure da una sentenza del tribunale di Trapani, per non parlare di alcune gare bandite dalla Srr TP Nord andate deserte, che hanno fatto salire la tensione tra i lavoratori preoccupati per il futuro incerto".
 
"Nella città dello Stretto invece - proseguono - continuano a vivere di incertezze e preoccupazioni i circa 500 lavoratori di Messinambiente, con lo spettro del fallimento della società e la continua indecisione dell'amministrazione comunale sul transito dei lavoratori".
 
 
"E nel resto dell'isola dalla Sicilia occidentale a quella orientale, come mostrano anche le recenti inchieste giudiziarie - continuano -, troppo spesso il tema del malaffare risulta presente in aziende di gestione del servizio rifiuti che si aggiudicano le gare a volte con chiare complicità politico-burocratiche locali. I comuni ricordino che i servizi sono pagati con denaro pubblico: le tasse dei cittadini. I Rup, i Responsabili unici di procedimento e le amministrazioni locali hanno il dovere di verificare l'operato degli imprenditori e di controllare che vi sia il rispetto delle condizioni del bando e del capitolato anche dopo l'avvio del servizio".
 
"Troppo spesso - concludono Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel - ci confrontiamo con aziende spregiudicate che danno l'impressione di imporre le loro condizioni alle stesse amministrazioni locali e che tendono a ridurre i diritti dei lavoratori, ci auguriamo che anche le nostre comunicazioni verso le Procure della Sicilia vengano utilizzate per intervenire efficacemente nel segno della legalita' sul settore".

Articolo pubblicato il 04 dicembre 2017 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus