Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Visitare Termini. Non solo auto: terme, mare storia e cultura
di Dario Raffaele

Tags: Termini Imerese, Fiat, Lavoro, Turismo



Termini Imerese ha una storia lunghissima, non è necessario quindi uscire dalla cittadina per trovare numerosi siti di interesse turistico. Tra i tanti ricordiamo il Duomo (Chiesa di San Nicola da Bari) edificato nel 1600, con quattrocentesco crocifisso di Pietro Ruzzolone; il Museo civico con numerosi ed importanti reperti archeologici; la Villa comunale con i resti di epoca romana; i resti dell’anfiteatro romano e dell’acquedotto Cornelio del I sec. d.C.; da citare infine tre interessanti passeggiate: quella nei vicoli medievali del quartiere Rocchecelle; quella sul Viale del Belvedere da cui si gode di un meraviglioso panorama sulla città, sul porto e sul golfo; e quella in via dei Bagni, antico mercato arabeggiante che conduce al piano dei bagni dove è situato il Grand Hotel delle Terme. Nelle immediate vicinanze segnaliamo le rovine dell’antica città d’Himera distrutta dai cartaginesi nel 409 a.C.
Come si vede (per chi non se ne fosse mai accorto), c’è tanta carne al fuoco… ora bisogna cucinarla a dovere.

Articolo pubblicato il 05 gennaio 2010 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Morto Termini. Viva Termini! -
    Il dopo Fiat. Investire in formazione per una riconversione.
    Vocazione turistica. La Sicilia, in virtù delle sue risorse naturali, del clima, dei siti culturali ed archeologici è regione a vocazione turistica in primo luogo, quindi agricola.
    Investimenti. Sono in tanti ad aver investito nell’Isola: da Antonio Mangia (Aeroviaggi), a sir Rocco Forte col suo Verdura Golf resort, per finire con Hamed al Hamed, nuovo proprietario della Perla Jonica.
    (05 gennaio 2010)
  • Visitare Termini. Non solo auto: terme, mare storia e cultura - (05 gennaio 2010)
  • Costruire un auto nell’Isola costa 1.200 euro in più -
    Per la casa torinese non c’è convenienza a produrre in Sicilia. Circa l’80% dei componenti arriva da altri stabilimenti
    (05 gennaio 2010)
  • Via l’industria pesante e investimenti nel turismo -
    Un modello vincente è rappresentato dall’impresa di Antonio Mangia. Offrire gratuitamente i terreni smantellati e detassarli
    (05 gennaio 2010)


comments powered by Disqus